Italia markets closed
  • Dow Jones

    33.752,79
    -333,25 (-0,98%)
     
  • Nasdaq

    11.584,62
    +0,06 (+0,00%)
     
  • Nikkei 225

    27.346,88
    +19,77 (+0,07%)
     
  • EUR/USD

    1,0908
    +0,0041 (+0,38%)
     
  • BTC-EUR

    21.133,80
    -206,99 (-0,97%)
     
  • CMC Crypto 200

    521,97
    +279,29 (+115,09%)
     
  • HANG SENG

    22.072,18
    +229,85 (+1,05%)
     
  • S&P 500

    4.060,00
    -16,60 (-0,41%)
     

Lusso, focus su Cina dopo deludenti vendite Richemont in trim3

Una vetrina Cartier presso un negozio a Parigi, in Francia

ZURICH (Reuters) - Il produttore di gioielli Cartier Richemont ha disatteso le previsioni del mercato nell'ultimo trimestre, a causa della recrudescenza del Covid-19 in Cina, che ha pesato sulle vendite, evidenziando l'importanza del Paese per il settore del lusso.

Le vendite di Richemont sono crollate di quasi un quarto nella Cina continentale, per la scarsità di clienti e la mancanza di personale che ha portato a chiusure temporanee e orari di apertura più brevi nelle sue boutique di lusso.

Negli ultimi anni la Cina è stata il principale motore del boom della domanda di orologi, gioielli e accessori svizzeri.

La britannica Burberry ha detto che la crescita delle sue vendite comparabili è rallentata bruscamente all'1% nel trimestre fino a fine dicembre, poiché le interruzioni dovute al coronavirus nella Cina continentale hanno compensato una performance più forte in Europa.

Gli altri giganti del lusso come LVMH, Kering e Swatch comunicheranno i loro dati nelle prossime settimane.

"Il settore dipenderà molto da ciò che faranno i cinesi nel 2023", ha detto Luca Solca, analista di Bernstein.

"I cinesi potrebbero adottare lo stesso atteggiamento Yolo ("si vive una volta sola") che hanno adottato i consumatori occidentali, e saranno in grado di viaggiare di nuovo e trovare prezzi più convenienti in Europa.

"Questo creerebbe una 'staffetta della crescita', in cui i consumatori cinesi prenderanno la fiaccola della crescita della spesa di lusso dai consumatori occidentali, che modereranno la loro spesa, smaltendo l'euforia del post-pandemia"

Richemont, i cui altri marchi includono i produttori di orologi svizzeri Iwc e Jaeger-LeCoultre, ha registrato una forte crescita delle vendite in Europa, Medio Oriente e Giappone, in particolare per i gioielli.

Le vendite in tutte e tre le regioni sono aumentate notevolmente nell'ultimo trimestre del 2022, grazie alla forte domanda da parte dei consumatori locali e dei turisti che sono tornati dopo la pandemia.

In particolare, i turisti statunitensi hanno approfittato dell'apprezzamento del dollaro per fare acquisti al di fuori degli Stati Uniti.

Nel complesso, le vendite di Richemont sono aumentate dell'8% a 5,4 miliardi di euro nel trimestre appena concluso, rispetto ai 4,98 miliardi di euro dell'anno precedente.

Il dato è sotto i 5,67 miliardi di euro previsti dagli analisti. Se si escludono i movimenti valutari, le vendite dell'azienda sono aumentate del 5%.

Ma il mercato della Cina continentale - che rappresenta circa un quinto delle vendite del gruppo, secondo le stime della Zuercher Kantonalbank - ha mostrato segnali di difficoltà, con un calo delle vendite del 24% in termini di valuta costante.

Dopo che l'ondata di coronavirus ha raggiunto il picco nelle principali città cinesi, i negozi stanno riaprendo e il numero di clienti sta aumentando, con la previsione di un forte rimbalzo prima delle festività del Capodanno lunare, ha detto un portavoce di Richemont.

La prospettiva di una ripresa delle vendite cinesi ha fatto sì che gli analisti non fossero troppo preoccupati per la perdita trimestrale di Richemont.

"L'impatto della Cina è massiccio, ma lo consideriamo temporaneo", ha detto Jean-Philippe Bertschy, analista di Bank Vontobel.

"Il recupero da parte dei consumatori cinesi avverrà con la stessa forza con cui le vendite sono rallentate nel terzo trimestre, in quanto hanno potuto risparmiare durante il lockdown".

(Tradotto da Luca Fratangelo, editing Andrea Mandalà)