Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.970,73
    +112,53 (+0,49%)
     
  • Dow Jones

    33.936,97
    +175,92 (+0,52%)
     
  • Nasdaq

    13.115,97
    +68,79 (+0,53%)
     
  • Nikkei 225

    28.871,78
    +324,80 (+1,14%)
     
  • Petrolio

    89,32
    -2,77 (-3,01%)
     
  • BTC-EUR

    23.832,54
    -181,58 (-0,76%)
     
  • CMC Crypto 200

    577,32
    -13,44 (-2,27%)
     
  • Oro

    1.798,90
    -16,60 (-0,91%)
     
  • EUR/USD

    1,0175
    -0,0082 (-0,80%)
     
  • S&P 500

    4.296,03
    +15,88 (+0,37%)
     
  • HANG SENG

    20.040,86
    -134,76 (-0,67%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.789,62
    +12,81 (+0,34%)
     
  • EUR/GBP

    0,8420
    -0,0036 (-0,43%)
     
  • EUR/CHF

    0,9620
    -0,0035 (-0,36%)
     
  • EUR/CAD

    1,3113
    +0,0012 (+0,09%)
     

M5S, affondo Franceschini: la rabbia di eletti e vertici

(Adnkronos) - Le agenzie con l'affondo di Dario Franceschini - che invita il M5S a restare al suo posto nel governo o l'alleanza alle politiche del 2023 andrà a farsi benedire - manda in fibrillazioni le chat grilline, con parlamentari sul piede di guerra ma anche i vertici pentastellati col fumo negli occhi. Le parole del responsabile della Cultura rimbalzano tra i 5 Stelle, alla vigilia del Consiglio nazionale che dovrà decidere la linea da tenere e l'incontro chiarificatore, nel pomeriggio, tra il premier Mario Draghi e il leader pentastellato Giuseppe Conte. Che al momento tace coi suoi sulle parole di Franceschini, non reperibile telefonicamente, racconta chi ha provato a contattarlo in queste ore.

Ma le chat interne, visionate dall'Adnkronos, si infiammano per le parole del ministro. "Il Pd vuole mandarci al 2%, ma andasse a fan....", scrive un big del Movimento in una chat interna. Mentre nelle chat dei parlamentari c'è chi si spinge a dire "che il Pd ci sta minacciando, e questo davvero non possiamo tollerarlo".

Intanto l'attenzione è tutta catalizzata sui due appuntamenti in agenda domani, non solo il faccia a faccia Draghi-Conte ma anche il Consiglio nazionale. Da dove, è l'auspicio degli eletti, dovrà uscire un documento con richieste chiare e forti da sottoporre al premier, anche se è preoccupazione diffusa, a guardare le chat, che "la montagna partorisca il topolino", come temono diversi deputati e senatori. Non solo. Il Consiglio nazionale domani si annuncia difficile, perché all'interno dell'organo voluto da Conte convivono anime diverse: in estrema sintesi, una governista e l'altra pronta ad abbandonare la nave dell'esecutivo. Mentre sul caos aleggia il timore di nuovi addii, "perché che si resti o ci si sfili, comunque in molti resteranno delusi", è il ragionamento di diversi big.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli