Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.534,57
    -451,13 (-1,96%)
     
  • Dow Jones

    33.706,74
    -292,30 (-0,86%)
     
  • Nasdaq

    12.705,21
    -260,13 (-2,01%)
     
  • Nikkei 225

    28.930,33
    -11,81 (-0,04%)
     
  • Petrolio

    89,91
    -0,59 (-0,65%)
     
  • BTC-EUR

    21.012,05
    -2.014,12 (-8,75%)
     
  • CMC Crypto 200

    504,88
    -36,72 (-6,78%)
     
  • Oro

    1.760,30
    -10,90 (-0,62%)
     
  • EUR/USD

    1,0044
    -0,0048 (-0,47%)
     
  • S&P 500

    4.228,48
    -55,26 (-1,29%)
     
  • HANG SENG

    19.773,03
    +9,12 (+0,05%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.730,32
    -47,06 (-1,25%)
     
  • EUR/GBP

    0,8484
    +0,0030 (+0,36%)
     
  • EUR/CHF

    0,9622
    -0,0026 (-0,27%)
     
  • EUR/CAD

    1,3036
    -0,0024 (-0,19%)
     

M5S, 'micro deroga' manda in tilt eletti: ondata di sms a Grillo che ci ripensa

(Adnkronos) - La deroga sul doppio mandato lui, Beppe Grillo, non l'avrebbe mai voluta: perché è una regola aurea del Movimento, potenziale pietra tombale sulla creatura creata con Gianroberto Casaleggio. Fino a sabato scorso, racconta chi lo ha sentito in questi giorni, nessuno spiraglio dal garante e fondatore - che invitava anche a 'sistemare' gli 'scaduti' con contratti ad hoc nella scuola di formazione M5S- poi, una telefonata dopo l'altra, qualche spiraglio nella giornata di domenica sembrava essersi aperto, su una 'micro deroga' - pensata dai vertici pentastellati - che salvasse meno del 10% degli eletti con due mandati alle spalle, fissata per l'esattezza al 5%, raccontano alcuni beninformati all'Adnkronos. Così da salvare una piccola pattuglia di fedelissimi, Roberto Fico e Paola Taverna, passando da Vito Crimi e Alfonso Bonafede, i nomi più gettonati per il 'salvataggio'.

Ma i dubbi di Grillo non erano ancora del tutto fugati, e dover correre contro il tempo per le primarie in Sicilia a favore di Giancarlo Cancelleri -visto con fumo negli occhi dal fondatore del Movimento - non gli andava a genio nemmeno un po'. Complice l'ondata di messaggi di peones e parlamentari esclusi dal potenziale 'cerchio magico' di favoriti, Grillo sarebbe tornato alla sua convinzione iniziale: nessuna deroga, la regola dei due mandati non si tocca.

E oggi lo ha detto forte e chiaro nella riunione con i parlamentari M5S, nonostante ambienti vicino a Conte sostenessero, subito dopo il faccia a faccia tra i due, che la decisione su un'eventuale deroga sarebbe stata assunta solo dopo il confronto tra gli eletti e il garante, tornando sul tavolo dell'ex premier e Grillo. Grillo invece è parso non volerne discutere: d'altronde il garante è lui ed è chiamato a vigilare sulle regole. Tanto più su quello che ha etichettato come un "principio fondante" del Movimento. "Bene così - dice un eletto al secondo giro in Parlamento subito dopo la riunione con Grillo - se avesse aperto alla micro deroga mi sarei fatto esplodere. E' giusto muoia Sansone con tutti i filistei, almeno questo...".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli