Italia markets close in 3 hours 44 minutes
  • FTSE MIB

    24.476,63
    -242,18 (-0,98%)
     
  • Dow Jones

    34.347,03
    +152,93 (+0,45%)
     
  • Nasdaq

    11.226,36
    -58,94 (-0,52%)
     
  • Nikkei 225

    28.162,83
    -120,20 (-0,42%)
     
  • Petrolio

    73,93
    -2,35 (-3,08%)
     
  • BTC-EUR

    15.474,34
    -473,30 (-2,97%)
     
  • CMC Crypto 200

    379,71
    -2,95 (-0,77%)
     
  • Oro

    1.757,10
    +3,10 (+0,18%)
     
  • EUR/USD

    1,0470
    +0,0065 (+0,63%)
     
  • S&P 500

    4.026,12
    -1,14 (-0,03%)
     
  • HANG SENG

    17.297,94
    -275,64 (-1,57%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.931,46
    -30,95 (-0,78%)
     
  • EUR/GBP

    0,8654
    +0,0058 (+0,68%)
     
  • EUR/CHF

    0,9877
    +0,0040 (+0,41%)
     
  • EUR/CAD

    1,4068
    +0,0162 (+1,16%)
     

Mafia, operazione contro clan Santapaola-Ercolano: 30 indagati

(Adnkronos) - In una vasta operazione antimafia, duecentocinquanta carabinieri del Comando Provinciale stanno eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal Gip del Tribunale etneo, nelle province di Catania, Prato, L’Aquila, Enna, Perugia, Vibo Valentia, Palermo, Benevento, Siracusa e Avellino. Più di trenta gli indagati accusati di associazione di tipo mafioso e concorso esterno, estorsione, traffico di sostanze stupefacenti, detenzione illegale di armi e munizioni e concorso in trasferimento fraudolento di valori, reati aggravati dal metodo mafioso.

Le indagini, coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Catania, hanno consentito di portare alla luce le recenti evoluzioni delle dinamiche associative della famiglia di Cosa Nostra etnea ‘Santapaola-Ercolano’, individuandone gli elementi apicali.

L'operazione dei carabinieri, denominata ‘Sangue blu’ è stata coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia etnea ha portato all'arresto anche dell'attuale ‘responsabile provinciale’ della famiglia mafiosa ’Santapaola-Ercolano’. Sequestrati beni per un valore complessivo di oltre 4 milioni di euro.

Dall'indagine sono emersi un vasto giro di estorsioni ai danni di imprenditori catanesi, un fiorente traffico di stupefacenti, il recupero crediti attraverso prestiti ad usura e l'intestazione fittizia di attività economiche. I proventi delle attività illecite venivano utilizzati sia per il mantenimento delle famiglie degli affiliati detenuti, sia reinvestiti in altre attività imprenditoriali infiltrando il tessuto economico catanese.