Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.352,46
    +151,02 (+0,68%)
     
  • Dow Jones

    29.910,37
    +37,90 (+0,13%)
     
  • Nasdaq

    12.205,85
    +111,44 (+0,92%)
     
  • Nikkei 225

    26.644,71
    +107,40 (+0,40%)
     
  • Petrolio

    45,53
    -0,18 (-0,39%)
     
  • BTC-EUR

    14.370,01
    +198,68 (+1,40%)
     
  • CMC Crypto 200

    333,27
    -4,23 (-1,25%)
     
  • Oro

    1.788,10
    -23,10 (-1,28%)
     
  • EUR/USD

    1,1967
    +0,0054 (+0,45%)
     
  • S&P 500

    3.638,35
    +8,70 (+0,24%)
     
  • HANG SENG

    26.894,68
    +75,23 (+0,28%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.527,79
    +16,85 (+0,48%)
     
  • EUR/GBP

    0,8989
    +0,0073 (+0,81%)
     
  • EUR/CHF

    1,0823
    +0,0026 (+0,24%)
     
  • EUR/CAD

    1,5540
    +0,0039 (+0,25%)
     

Mahle, Mise: accordo raggiunto con il gruppo lombardo IMR

Rar
·1 minuto per la lettura

Milano, 30 lug. (askanews) - La lombarda IMR Group, azienda del settore gommaplastica che lavora per l'automotive, ha raggiunto un accordo con la Mahle per l'acquisizione dei due stabilimenti piemontesi. Garantiti i lavoratori e la riconversione industriale dei siti di La Loggia e Saluzzo. "Quando abbiamo svolto a gennaio l'ultimo tavolo su Mahle al Mise - ha spiegato Alessandra Todde, Sottosegretaria allo Sviluppo economico con deleghe anche alle crisi d'impresa - l'azienda aveva accolto la nostra richiesta di procedere al ritiro della procedura di licenziamento collettivo per 453 lavoratori e di individuare nuovi investitori con l'obiettivo prioritario di trovare una soluzione che garantisse l'occupazione e la riconversione dei due siti di La Loggia e Saluzzo". "Non è stato un percorso facile - ha proseguito la Todde - ma siamo soddisfatti che a intraprendere questa strada sia un'azienda lombarda, IMR Group, che ha raggiunto l'accordo con la Mahle per l'acquisizione dei due stabilimenti piemontesi. È un risultato importante raggiunto grazie al lavoro sinergico che ha coinvolto tutte le parti e che rappresenta un chiaro esempio di come in Italia siano presenti gruppi industriali pronti a investire". L'accordo prevede la cessione dei due siti entro la metà di ottobre dalla Mahle al gruppo IMR, attraverso la costituzione di una newco. Durante la fase di riconversione industriale, finalizzata a integrare i due siti piemontesi nell'attuale strategia del gruppo, verranno assicurati i livelli occupazionali anche attraverso l'utilizzo della cassa integrazione straordinaria per 24 mesi che servirà a formare i lavoratori per le nuove produzioni. Il Mise monitorerà l'evolversi della situazione seguendo e affiancando passo dopo passo l'azienda con tutti gli strumenti a disposizione.