Italia markets closed

Mahle, tavolo al ministero sviluppo: azienda ritira licenziamenti

Glv

Roma, 30 gen. (askanews) - La Mahle Motori ritira i licenziamenti collettivi. Lo comunica il ministero dello sviluppo economico, sottolineando che nel corso di un tavolo a Roma "l'azienda ha accolto la richiesta del ministero di procedere al ritiro della procedura di licenziamento collettivo per 453 lavoratori dei due stabilimenti piemontesi di La Loggia, vicino a Torino, e Saluzzo in provincia di Cuneo".

L'azienda "si è impegnata a non avviare azioni unilaterali, a proseguire il confronto tra le parti in sede locale e aziendale e a dare mandato a un advisor per verificare la presenza di potenziali investitori interessati". Inoltre sarà valutata "la possibilità di ricollocare i lavoratori all'interno dell'azienda e di mettere a disposizione incentivi all'esodo, avviando al contempo la richiesta di utilizzo di ammortizzatori sociali previsti per la reindustrializzazione".

"Ritengo un segnale importante - afferma la sottosegretaria Alessandra Todde - che l'azienda abbia deciso di sospendere la procedura di licenziamento collettivo e aprire un nuovo confronto tra le parti. Stiamo lavorando in modo serio per mettere in campo ogni azione e strumento per dare un futuro ai due stabilimenti".

"Per il ministero - aggiunge Todde - è prioritaria la prospettiva produttiva degli stabilimenti e la salvaguardia occupazionale. Continueremo il monitoraggio sugli sviluppi del confronto fra le parti".