Italia markets close in 7 hours 29 minutes
  • FTSE MIB

    25.634,97
    +271,95 (+1,07%)
     
  • Dow Jones

    34.935,47
    -149,03 (-0,42%)
     
  • Nasdaq

    14.672,68
    -105,62 (-0,71%)
     
  • Nikkei 225

    27.781,02
    +497,43 (+1,82%)
     
  • Petrolio

    73,20
    -0,75 (-1,01%)
     
  • BTC-EUR

    33.766,86
    -1.586,31 (-4,49%)
     
  • CMC Crypto 200

    976,27
    +26,37 (+2,78%)
     
  • Oro

    1.810,30
    -6,90 (-0,38%)
     
  • EUR/USD

    1,1886
    +0,0011 (+0,10%)
     
  • S&P 500

    4.395,26
    -23,89 (-0,54%)
     
  • HANG SENG

    26.200,19
    +239,16 (+0,92%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.128,52
    +39,22 (+0,96%)
     
  • EUR/GBP

    0,8537
    +0,0001 (+0,02%)
     
  • EUR/CHF

    1,0760
    +0,0017 (+0,16%)
     
  • EUR/CAD

    1,4815
    +0,0014 (+0,09%)
     

Mais e climate change: al via progetto per maggiore resistenza

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 19 lug. (askanews) - Ha preso avvio da pochi giorni un innovativo progetto di ricerca internazionale che mira a garantire alle coltivazioni di mais una maggiore resistenza ai sempre più numerosi effetti del cambiamento climatico. Si tratta di "Dromamed": coinvolge nove nazioni tra Europa e Nord Africa, fra cui l'Italia, e ha come principale obiettivo la capitalizzazione del germoplasma del mais mediterraneo per migliorare la sostenibilità dei sistemi colturali, valorizzando la tolleranza della coltura agli stress. Un intento pienamente in linea con gli obiettivi comunitari in materia di sostenibilità, che mira al contempo a tutelare la biodiversità e le risorse genetiche, promuovendo la valorizzazione del germoplasma.

Il progetto, della durata di 36 mesi, è nato, sul versante italiano, dalla collaborazione tra il Centro di Ricerca Cerealicoltura e Colture Industriali del Crea e il Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agroalimentari dell'Università di Bologna e si è concretizzato anche grazie al fattivo supporto dell'Associazione Italiana Maiscoltori-AMI e della Confederazione Produttori Agricoli-Copagri.

Quella del mais rappresenta a tutti gli effetti una delle grandi produzioni agricole del nostro Paese, concentrata nelle aree settentrionali. Guardando ai numeri, emerge un calo a livello mondiale sia sul versante dell'offerta che su quello delle scorte, testimoniato anche dai dati sulla superficie coltivata a mais, che in Italia nel 2021 è scesa sotto i 600mila ettari, in lieve calo rispetto ai circa 603mila ettari del 2020 e ai quasi 630mila del 2019; sul fronte della produzione, in attesa dei numeri del 2021, resta il dato della scorsa annata, nella quale l'Italia ha potuto contare su 6,8 milioni di tonnellate, in aumento rispetto alle 6,2 milioni di tonnellate del 2019.

La prima fase del progetto prevede la raccolta di germoplasma di mais mantenuto nei paesi di entrambe le sponde del Mediterraneo dai partner coinvolti; seguirà una seconda fase, nella quale la ricerca si concentrerà sull'identificazione dei tipi adatti a sostenere Innovative Farming System (IFS) idonei e a input energetico ridotto, che verranno individuati tramite valutazioni agronomiche e fisiologiche ad alta processività. La terza e ultima fase del progetto prevede lo studio del controllo genetico dei caratteri di resilienza e lo sviluppo di nuovi metodi di selezione utilizzabili dai breeder dell'area mediterranea.

Rispetto a precedenti progetti, Dromamed risulta innovativo in quanto caratterizzato dalla raccolta e dall'analisi di germoplasma finora non adeguatamente esplorato, che verrà studiato integrando competenze genetiche, biochimiche, agronomiche e fisiologiche in sinergia con i partner del progetto.

Un ulteriore elemento di innovazione è dato dalla partecipazione attiva di associazioni degli agricoltori e stakeholder, cui spetterà il delicato compito di seguire lo svolgimento delle attività progettuali e intervenire per rafforzare l'impatto sociale dei risultati della ricerca, trasferendone i risultati ai produttori agricoli.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli