Italia Markets closed

Manca l’accelerazione

Alessio Zavarise
 

Prosegue il momento positivo per Piazza Affari, rassicurata dalle parole di Draghi e da uno spread che segna nuovi minimo di periodo a 140 punti base.

L’indice FtseMib fa però fatica a staccarsi dai 22.000 punti, non riuscendo quindi ancora a tornare sui recenti max in area 22.300; diamo ancora tempo qualche seduta per valutare un’eventuale perdita di forza del trend di breve.

In caso di chiusura sopra 22.300 avremmo quindi un nuovo segnale rialzista che proietterebbe il nostro indice sui 23.000 e 24.000 per i mesi di ottobre e novembre.

Segnali di pericolo solo sotto 21.500, tuttavia una vera inversione giungerebbe solo in seguito alla violazione dei 21.000 punti, scenario ritenuto al momento poco credibile.

Operativamente si consiglia di monetizzare circa il 25% in area 22.100/22.300, creando quindi della liquidità che potrà sempre servire in caso di correzione verso quota 21.500; la parte restante va tranquillamente mantenuta con gli obiettivi sopra descritti a 23.000 e 24.000 di FtseMib.

Autore: Alessio Zavarise Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online