Italia markets open in 1 hour 35 minutes
  • Dow Jones

    33.677,27
    -68,13 (-0,20%)
     
  • Nasdaq

    13.996,10
    +146,10 (+1,05%)
     
  • Nikkei 225

    29.666,52
    +127,82 (+0,43%)
     
  • EUR/USD

    1,1970
    +0,0016 (+0,13%)
     
  • BTC-EUR

    53.862,95
    +2.975,21 (+5,85%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.390,47
    +96,48 (+7,46%)
     
  • HANG SENG

    28.890,87
    +393,62 (+1,38%)
     
  • S&P 500

    4.141,59
    +13,60 (+0,33%)
     

Mancini(Cerved): in molti settori 2022 ancora sotto livelli 2019

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 18 mar. (askanews) - "Quello che emerge con chiarezza è che ci possiamo aspettare un rimbalzo, una ripresa, ma per molti settori, per la maggior parte, questa non sarà sufficiente neppure nel 2022 per tornare ai livelli del 2019". Lo ha detto il Chief commercial officer di Cerved, Roberto Mancini, durante la trentesima edizione del "Premio Industria Felix - La Lombardia che compete". Quanto al 2020 il manager ha sottolineato che tra i settori che sono andati meglio spiccano il commercio online e il mondo dei dispositivi farmaceutici.

"Questo non è pessimismo - ha proseguito -, ma realismo e significa che, a maggior ragione, le aziende devono seguire due aspetti importanti. Il primo è proteggersi dal rischio perché una crescita è sostenibile se sa distinguere e individuare i rischi a cui va incontro e assumerseli in modo consapevoli. Per questo stiamo proponendo al mercato il cosiddetto Cgs impact (Cerved Group Score) che tiene conto non solo dei fondamentali dell'azienda e del sistema nella sua interezza, ma anche di altre variabili, molto spesso dinamiche che consentono uno sguardo al futuro fondamentale per assicurare la crescita sostenibile".

Il secondo elemento, secondo il rappresentante di Cerved, è aiutare le imprese "a navigare tutto quel mondo di market intelligence e digital marketing che oggi sta diventando fondamentale. Tutte le crisi hanno insegnato che le aziende che riescono a cogliere le opportunità, magari tagliando anche costi, sono però quelle che investono. Se no fanno fatica. Aiutare quindi le imprese a crescere in modo sostenibile significa anche aiutarle a fare investimenti intelligenti, assumendosi un livello di rischio consapevole" ha concluso.