Italia markets close in 6 hours 50 minutes
  • FTSE MIB

    24.426,65
    +30,64 (+0,13%)
     
  • Dow Jones

    34.269,16
    -473,66 (-1,36%)
     
  • Nasdaq

    13.389,43
    -12,43 (-0,09%)
     
  • Nikkei 225

    28.147,51
    -461,08 (-1,61%)
     
  • Petrolio

    65,16
    -0,12 (-0,18%)
     
  • BTC-EUR

    46.889,98
    +863,61 (+1,88%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.540,14
    +1.297,46 (+534,64%)
     
  • Oro

    1.831,30
    -4,80 (-0,26%)
     
  • EUR/USD

    1,2133
    -0,0019 (-0,16%)
     
  • S&P 500

    4.152,10
    -36,33 (-0,87%)
     
  • HANG SENG

    28.231,04
    +217,23 (+0,78%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.946,48
    +0,42 (+0,01%)
     
  • EUR/GBP

    0,8581
    -0,0008 (-0,09%)
     
  • EUR/CHF

    1,0972
    -0,0006 (-0,05%)
     
  • EUR/CAD

    1,4673
    -0,0020 (-0,13%)
     

Mandato d'arresto per il complice dell'attentatore di Nizza

·2 minuto per la lettura
Nizza arrestato complice
Nizza arrestato complice

La Strage di Nizza nel 2016 scosse il mondo. Tutti ricordano le immagni del TIR che uccise ben 86 persone sul lungomare proprio mentre stavano assistendo ai fuochi d’artificio. Ora ci sono ancora degli sviluppi sulla vicenda perché è arrivato nella serata di mercoledì 21 aprile 2021 un mandato d’arresto anche per il complice dell’attentatore ovvero un cittadino di origine albanese di 28 anni accusato di aver procurato le armi all’autore dell’attacco terroristico.

Il mandato d’arresto emesso dalla Polizia francese è avvenuto nientemeno in provincia di Caserta e per l’esattezza a Sparanise dove l’uomo di sarebbe nascosto. L’autore dell’attentato di Nizza del 14 luglio 2016 Mohamed Lahouaiej Bouhlel, che viveva in Francia dal 2011, venne ucciso Polizia.

Strafe di Nizza, arrestato complice dell’attentatore

Si nascondeva a Sparanise, comune italiano nella provincia di Caserta il complice dell’attentatore della strage di Nizza dove il 14 luglio persero la vita 86 persone ad opera di un camion suicida intorno alle ore 22.30 lungo la Promenade des anglais proprio mentre migliaia di persone stavano ammirando i fuochi d’artificio.

il complice di origine albanese è stato identificato grazie ad un contributo da parte della DIGOS di Caserta e Napoli e dell’antiterrorismo attraverso le informazioni raccolte. Per il giovane è stato emesso un mandato d’arresto europeo emesso dalle autorità francesi

Otto persone rinviate a giudizio

Stando a quanto riferito dal quotidiano francese “L’Alsace”, l’arresto di mercoledì 21 aprile è avvenuto a seguito del rinvio a giudizio per otto persone da parte della corte d’appello di Parigi. Non è stata ancora tuttavia resa nota la data del processo, anche se si sa che non dovrebbe avere luogo prima del 2022. Non è nota inoltre la durata del processo che potrebbe durare diverse settimane con l’udienza che dovrebbe avere luogo nella sala realizzata all’interno del Palazzo di giustizia di Parigi. Nel corso del processo dovrebbero essere poste sotto esame le responsabilità dei complici e degli intermediari coinvolti.