Italia markets closed
  • Dow Jones

    31.211,70
    +23,32 (+0,07%)
     
  • Nasdaq

    13.530,11
    +72,86 (+0,54%)
     
  • Nikkei 225

    28.756,86
    +233,60 (+0,82%)
     
  • EUR/USD

    1,2161
    +0,0046 (+0,38%)
     
  • BTC-EUR

    26.114,82
    -2.735,83 (-9,48%)
     
  • CMC Crypto 200

    628,88
    -51,03 (-7,51%)
     
  • HANG SENG

    29.927,76
    -34,71 (-0,12%)
     
  • S&P 500

    3.856,69
    +4,84 (+0,13%)
     

Manfredi firma 2 nuovi decreti per reclutare ricercatori e Prof

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

Una nuova iniezione di ricercatori e professori per aumentare le potenzialità delle università e dei centri di ricerca italiani e alzare così il livello ci competitività del nostro sistema di ricerca e alta formazione sul piano internazionale. Con questo orizzonte il ministro dell'Università e Ricerca, Gaetano Manfredi ha annunciato di avere firmato "due nuovi decreti" dando così il via ai "piani straordinari 2020 per il reclutamento di ricercatori e professori".

Siamo "troppo piccoli per competere a livello internazionale" per questo è "fondamentale investire su più ricercatori e un sistema di qualità" ha scandito il ministro.

In arrivo dal Mur 96,5 milioni di euro annui per i ricercatori precari. Il primo dei due decreti firmati oggi e relativo al piano straordinario per i ricercatori di tipo b), prevede infatti - sul totale complessivo di 111,5 milioni di euro per i due provvedimenti - uno stanziamento di 96,5 milioni annui a partire dal 2021 per il reclutamento di ricercatori precari e per il successivo consolidamento delle risorse alla fine del contratto triennale, una volta ottenuta l’abilitazione scientifica nazionale, nella posizione di professore di seconda fascia.