Italia markets open in 4 hours 14 minutes
  • Dow Jones

    29.823,92
    +185,32 (+0,63%)
     
  • Nasdaq

    12.355,11
    +156,41 (+1,28%)
     
  • Nikkei 225

    26.756,37
    -31,17 (-0,12%)
     
  • EUR/USD

    1,2085
    +0,0006 (+0,05%)
     
  • BTC-EUR

    15.455,62
    -85,75 (-0,55%)
     
  • CMC Crypto 200

    366,88
    -12,98 (-3,42%)
     
  • HANG SENG

    26.558,97
    -8,71 (-0,03%)
     
  • S&P 500

    3.662,45
    +40,82 (+1,13%)
     

Manifattura, ricavi attesi -18% in 2020 causa Covid per imprese Ftse Mib - Mediobanca

·1 minuto per la lettura
Il logo di Mediobanca presso la sede centrale a Milano
Il logo di Mediobanca presso la sede centrale a Milano

MILANO (Reuters) - A causa del Covid-19 i ricavi delle imprese manifatturiere che fanno parte dell'indice Ftse Mib di Piazza Affari sono attesi in calo intorno al 18% nel 2020 rispetto al -11,1% previsto per l'intero comparto italiano.

E' la stima dell'area Studi Mediobanca, che oggi ha presentato un aggiornamento ai nove mesi dell'impatto della pandemia sui bilanci 2020 di oltre 160 multinazionali industriali mondiali con fatturato annuale superiore a 3 miliardi e delle 26 società industriali e di servizi dell'indice Ftse Mib.

"Per queste società manifatturiere il calo è maggiore a causa della composizione settoriale del Ftse Mib, che include anche il settore dei mezzi di trasporti che ha sofferto di piu", spiega l'analisi.

La stima per l'anno non si discosta molto dal -18,7% registrato dalla manifattura nei primi nove mesi dell'anno in uno scenario già difficile che registra 64 miliardi di perdite di ricavi, di cui oltre la metà realizzato nel secondo trimestre, da parte delle società analizzate nello studio e che fanno parte del Ftse Mib.

In una precedente analisi lo scorso 3 novembre l'area Studi di Mediobanca aveva evidenziato che le attese delle imprese per l'anno in corso sono di un calo delle vendite mediamente pari all'11,1%, con ribassi più marcati per i settori abbigliamento, mezzi di trasporto e automotive e segni positivi per gli alimentari.

(Giancarlo Navach, in redazione a Milano Maria Pia Quaglia)