Italia Markets close in 7 hrs 34 mins

Manovra 2020: limite 1000 euro, ecco le novità in arrivo

Federica Pace
 

Limite uso contanti : a partire dal 2020 scende la soglia per i pagamenti in contanti, che attualmente è pari a 3.000 euro.

L’importo massimo che si può dare in contanti ad un’azienda, commerciante, artigiano o ad altra persona sarà di 1.000 euro.

Questa nuova previsione normativa si inserisce, a pieno titolo, tra le misure antievasione che il Governo Conte ha messo tra le sue priorità, oltre alla necessità di incentivare i pagamenti tracciabili.

Scopriamo in questa guida di Trend Online quali sono le novità previste per l’anno 2020.

Limite uso contanti: quali sono le novità dal 2020?

Nell’ampio quadro di misure antievasione che il Governo Conte sta studiando, tra le principali priorità figurano l’incentivo per i pagamenti tracciabili e la lotta al contante.

Anche se non è stato ancora ufficializzato, è possibile che dal 2020 il limite d’uso del contante si riduca di un terzo, passando da 3000 a 1000 euro.

Ma potrebbe essere che il limite d’uso del contante scenda da 3000 a 2.000 euro nel 2020 e nel 2021, per poi essere dimezzato tra 3 anni.

Per tutti i chiarimenti ufficiali, si attende la pubblicazione del testo ufficiale del Decreto Fiscale.

La finalità è quella di stimolare la modernizzazione della società e dell’economia, soprattutto in un’ottica di utilizzo della moneta elettronica.

Dl Fiscale 2020: in arrivo la “stretta” sul contante

Dal 2020 oltre alla lotteria degli scontrini fiscali, è in arrivo la “stretta” sul contante , che è stata inserita nel Decreto Fiscale approvato il 16 ottobre 2019.

I limiti sul contante introdotti dal Governo Monti vengono revisionati prevedendo all’articolo 19 quanto segue:

All’articolo 49, commi 1 e 3, del decreto legislativo 21 novembre 2007 n. 231, le parole 3.000 euro  sono sostituite dalle seguenti 1.000 euro .

Dunque, ci sarà un allineamento all’attuale limite di 1.000 euro fissato per il money transfer.

Attualmente si può pagare in contanti fino al limite di 2.999 euro, mentre per gli importi eccedenti i 3000 euro è necessario ricorrere all’utilizzo di un metodo di pagamento tracciabile (carta di credito, bonifico bancario, etc.).

Sanzioni in arrivo per i commercianti: la stangata dal 2020

Dal 2020 i commercianti, che non permetteranno ai propri clienti di partecipare alla lotteria degli scontrini e si rifiuteranno di trasmettere il codice fiscale, saranno colpiti da rilevanti sanzioni salate.

In base alla bozza del dl Fisco, sono previste multe da 500 a 2.000 euro per gli esercenti commerciali, che non accettano il codice fiscale dei clienti che vogliono partecipare alla lotteria degli scontrini.

Ad oggi non esiste alcuna norma che obblighi il commerciante ad accettare e utilizzare il codice fiscale del contribuente, ma dal 2020 l’obbligo non rimarrà più sulla carta!

Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online