Italia Markets close in 6 hrs 4 mins

## Manovra all'ultimo miglio,i capisaldi da stop Iva a nuove tasse

Gab

Roma, 22 dic. (askanews) - La manovra economica per il 2020 si appresta domani a tagliare il traguardo del via libera parlamentare. Montecitorio licenzierà la Legge di Bilancio in seconda lettura con un nuovo voto di fiducia e senza aver toccato palla. Tutte le modifiche sono state apportate nel passaggio caotico al Senato sollevando polemiche e accuse da parte dell'opposizione. Per l'esecutivo giallo-rosso, invece, è stato realizzato "un piccolo miracolo" per essere riusciti "in così breve tempo in un'impresa che in estate sembrava talmente insuperabile da contribuire a innescare una crisi di governo", ha detto il ministro Roberto Gualtieri.

L'operazione più difficile è stata senza dubbio disinnescare l'enorme mole di clausole di salvaguardia per oltre 23 miliardi per il prossimo anno che avrebbero determinato pesanti aumenti dell'Iva con forti ricadute sui consumi e l'economia.

Il dibattito pubblico, però, si è concentrato soprattutto sull'accusa mossa al governo di aver realizzato una "manovra delle tasse". Nel mirino le due nuove imposte: quella sulla plastica monouso non riciclata e sulle bevande zuccherate. La plastic e la sugar tax, insieme alle tasse sulle auto aziendali, sono state le misure più corrette nel corso dell'iter parlamentare con un allentamento e un posticipo della stretta.

A favore del welfare e delle famiglie il governo ha molto sponsorizzato la sostanziale gratuità degli asili nido per la grande maggioranza delle famiglie italiane e il piano per aumentarne i posti disponibili, il potenziamento del bonus bebè, le risorse a favore delle persone con disabilità, l'abolizione del superticket e gli investimenti sulla sanità.

In materia di lavoro e occupazione, arriva un primo intervento sul cuneo fiscale con la riduzione del carico sui lavoratori dipendenti: il vantaggio andrà in primo luogo ai 4,5 milioni di lavoratori con redditi tra i 26.600 euro e 35mila euro, finora esclusi dal 'bonus Renzi' che avranno fino a circa 50 euro in più al mese.

Tra le priorità del provvedimento, spiccano anche le misure di tipo ambientale con il piano di investimenti per lo sviluppo di un Green New Deal italiano e le norme per il contrasto all'evasione fiscale incentivando sopratutto il ricorso ai circuiti di pagamento elettronico (bancomat, carte di credito). Diventa operativa anche la web tax sui colossi del web.