Italia Markets close in 6 hrs 7 mins

Manovra, Landini: no a doppio tavolo sindacati e forze politiche

Rar

Assago (Mi), 9 ott. (askanews) - "Sia chiaro un punto: se inizia un confronto e se si prendono degli impegni col sindacato deve essere chiaro che quel tavolo di trattativa è il tavolo che decide, che non gli venga in mente che c'è un tavolo che discute e c'è un altro luogo tra partiti che cambia quello che si è discusso assieme a noi". Ad ammonire il Governo è il leader della Cgil, Maurizio Landini, nel corso del suo intervento all'assemblea nazionale degli oltre 10mila delegati di Cgil, Cisl e Uil riuniti al Forum di Assago. "Se oggi hanno scelto che per cambiare il paese c'è bisogno di noi non può essere una cosa tattica - ha sottolineato Landini - deve essere una cosa di sostanza, noi siamo pronti ad assumere responsabilità e ad avanzare proposte ma nessuno deve pensare di utilizzare il consenso che noi abbiamo conquistato in questo paese per poi coprire le beghe tra le forze politiche che oggi sono in parlamento".