Italia Markets closed

Manovra, Rete Imprese: no stretta auto, plastic, sugar e... -2-

Gab

Roma, 11 nov. (askanews) - In generale, prosegue Rete Imprese nella manovra "il range previsto per la variazione del Pil 2020 si colloca nell'insoddisfacente canale 0,2-0,7 per cento a ridosso, ancora una volta, della condizione di stallo. Le preoccupazioni per la mancata crescita e l'urgenza di un rilancio degli investimenti produttivi sono dunque ampiamente giustificate".

La manovra di bilancio, prosegue Rete Imprese Italia, "delinea un incremento programmatico del tasso di crescita del prodotto di 0,2 punti percentuali rispetto al dato dello 0,4 per cento risultante dalla revisione al ribasso dello scenario tendenziale. Essa però risulta negativamente contraddistinta, tra l'altro e in particolare, dalla sottrazione, per effetto degli interventi in materia di mini flat tax, di importanti risorse destinate alla riduzione della pressione fiscale per le piccole imprese. Si rilancia così l'esigenza di interventi compensativi volti alla costruzione di una fiscalità non distorsiva nei confronti delle Mpmi".

"L'incrocio programmatico tra Impresa 4.0 e Green New Deal - osserva ancora Rete Imprese Italia - rafforza poi l'urgenza di un sistema di interventi settorialmente più inclusivo e più accessibile da parte delle imprese di minori dimensioni. In particolare, per la costruzione di un corretto patto verde, vanno tenute in debito conto l'importanza di un omogeneo quadro regolatorio europeo in materia e l'esigenza metodologica tanto di un confronto costante e strutturato con le imprese, quanto di una compiuta valutazione preliminare d'impatto delle diverse misure".