Italia markets closed
  • Dow Jones

    29.583,18
    -327,19 (-1,09%)
     
  • Nasdaq

    12.141,50
    -64,34 (-0,53%)
     
  • Nikkei 225

    26.433,62
    -211,09 (-0,79%)
     
  • EUR/USD

    1,1952
    -0,0019 (-0,16%)
     
  • BTC-EUR

    16.212,35
    +882,43 (+5,76%)
     
  • CMC Crypto 200

    380,39
    +15,79 (+4,33%)
     
  • HANG SENG

    26.341,49
    -553,19 (-2,06%)
     
  • S&P 500

    3.613,95
    -24,40 (-0,67%)
     

Manovra, riunioni a Mef su bilancio. Pressing per scostamento

webinfo@adnkronos.com
·2 minuto per la lettura

Riunioni a oltranza al Mef su legge di Bilancio. La manovra dopo il via libera del Consiglio dei ministri salvo intese un mese fa non è ancora approdata in Parlamento mettendo a segno un ritardo che non ha precedenti nella storia. Intanto stamattina il ministro dell'Economia Roberto Gualtieri ha partecipato da remoto al vertice convocato dal premier Giuseppe Conte con i capidelegazione per assicurare le coperture necessarie a garantire i ristori legati alla nuova stretta in Emilia Romagna, Veneto e Friuli Venezia Giulia chiesta a gran voce dai governatori prima di firmare le relative ordinanze.

La manovra da 40 mld potrebbe richiedere un nuovo passaggio in Cdm ma tuttavia non compare nell'ordine del giorno del Consiglio convocato per domani. E non sarebbe sul tavolo del Cdm di domani neanche la richiesta di un nuovo sforamento del disavanzo tra i 10 e i 20 mld per finanziare nuovi interventi a sostegno dell'economia in caso di ulteriore recrudescenza dei contagi da Covid-19. Accanto a questi provvedimenti anche il progetto di un decreto ristori-ter chiamato a stanziare i nuovi ristori se la mappa delle zone rosse e arancioni vedesse l'ingresso di altre regioni.

Al Tesoro anche stasera sono in corso le riunioni per trovare la quadra sui dossier sul tavolo. Scostamento a parte, a quanto apprende l'Adnkronos, il governo avrebbe comunque risorse aggiuntive da reperire sia tra le pieghe del bilancio di quest'anno, se necessario, sia dal fondo anti-Covid da 4 mld previsto in manovra.

Lo scostamento e il decreto ristori-ter potrebbero approdare in Cdm la prossima settimana per essere votati in Parlamento il 25 novembre. E su questo fronte il pressing arriva sia dai partiti della maggioranza che dell'opposizione. Giornata decisiva per la tabella di marcia anti-Covid sarà domani, quando verrà reso noto il monitoraggio sanitario.