Italia markets open in 4 hours 48 minutes
  • Dow Jones

    29.823,92
    +185,32 (+0,63%)
     
  • Nasdaq

    12.355,11
    +156,41 (+1,28%)
     
  • Nikkei 225

    26.756,37
    -31,17 (-0,12%)
     
  • EUR/USD

    1,2082
    +0,0003 (+0,02%)
     
  • BTC-EUR

    15.520,41
    -20,96 (-0,13%)
     
  • CMC Crypto 200

    368,19
    -11,67 (-3,07%)
     
  • HANG SENG

    26.518,81
    -48,87 (-0,18%)
     
  • S&P 500

    3.662,45
    +40,82 (+1,13%)
     

Manovra, sindacati P.A: mancano risposte adeguate, verso sciopero

Mlp
·1 minuto per la lettura

Roma, 16 nov. (askanews) - "Su assunzioni e rinnovo dei contratti nella Pa in legge di bilancio non ci sono risposte adeguate". Così Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl e Uil Pa in merito a quanto emerge dalla lettura della bozza della legge di Bilancio, dalla quale: "Rispetto alle dichiarazioni del Governo delle scorse settimane - osservano -, non si intravede quella svolta necessaria per i settori pubblici, né sul fronte rinnovamento della Pa né su quello del cambiamento". Avanti, dunque, con la proclamazione dello sciopero nei settori pubblici. Sull'occupazione, spiegano i segretari generali di Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl e Uil Pa, Serena Sorrentino, Maurizio Petriccioli, Michelangelo Librandi e Nicola Turco, "da anni chiediamo di mettere a fuoco la grave emergenza occupazione nelle pubbliche amministrazioni, che anche il Covid ha dimostrato essere una priorità, se vogliamo dare risposte adeguate ai cittadini e non solo nel settore sanitario. Così come siamo costretti a registrare che neanche sul fronte contrattuale il governo ha scelto di investire sulla contrattazione per rilanciare una riforma urgente e necessaria del sistema di classificazione, un grande piano di riqualificazione del personale e i salari dei dipendenti che rimangono tra i più bassi d'Europa". Per queste ragioni, osservano i dirigenti sindacali, "avevamo già espletato le procedure relative allo stato di agitazione del personale dei comparti sanità, funzioni locali e funzioni centrali. Dal testo della manovra sul quale oggi ci sarà il confronto tra governo e sindacati, non ci sono ragioni che fanno venir meno la mobilitazione e quindi andremo avanti con proclamazione dello sciopero dei settori pubblici. Avevamo chiesto un tavolo con il Governo su assunzioni, contratti e interventi urgenti ed emergenziali sul fronte della sicurezza. Ad oggi questo confronto non è partito".