Italia markets closed
  • Dow Jones

    30.660,21
    -609,88 (-1,95%)
     
  • Nasdaq

    12.620,31
    -377,44 (-2,90%)
     
  • Nikkei 225

    28.930,11
    -628,99 (-2,13%)
     
  • EUR/USD

    1,1977
    -0,0090 (-0,74%)
     
  • BTC-EUR

    40.108,03
    -2.934,49 (-6,82%)
     
  • CMC Crypto 200

    961,31
    -25,90 (-2,62%)
     
  • HANG SENG

    29.236,79
    -643,63 (-2,15%)
     
  • S&P 500

    3.738,87
    -80,85 (-2,12%)
     

Marco Rizzi: "Con le varianti potremmo perdere l'immunità acquisita nella prima ondata"

Luciana Matarese
·Giornalista
·1 minuto per la lettura
Marco Rizzi (Photo: HuffPost)
Marco Rizzi (Photo: HuffPost)

Le varianti? Certo che ci impensieriscono, specie la brasiliana e la sudafricana. Se aumentasse la circolazione sul territorio e il virus cambiasse radicalmente, potremmo perdere l’immunità acquisita nella prima ondata, e così dolorosamente”. Marco Rizzi, infettivologo e direttore dell’unità Malattie Infettive dell’Ospedale “Papa Giovanni XXIII” di Bergamo, guarda non senza preoccupazione a quello che sta avvenendo in Lombardia. Bergamo, epicentro e simbolo della prima ondata, è a un passo dalla zona arancione rafforzata disposta stamattina dalla Regione Lombardia per cercare di spegnere il focolaio divampato nella provincia di Brescia e già esteso a un comune del cremonese e parte della bergamasca.

Più che il lockdown nazionale, servono misure localizzate, ma tempestive”, sottolinea Rizzi. E il vaccino “è un’arma in più, ma va abbinato a restrizioni e provvedimenti circoscritti e assunti il più rapidamente possibile”.

Professor Rizzi, la Regione Lombardia ha disposto la zona arancione rafforzata per la provincia di Brescia, un comune in provincia di Cremona e parte della bergamasca. Com’è la situazione nel vostro ospedale e a Bergamo?

Nella provincia di Bergamo fino ad oggi la situazione è stata abbastanza tranquilla, abbiamo avuto un po’ di pressione, con ricoveri da altre province, tra ottobre e dicembre. Abbiamo accolto qualche paziente dall’area bergamasca, in particolare dalle aree meno colpite in inverno e nella primavera dell’anno scorso. Ora abbiamo qualche caso in più proveniente dai comuni della provincia di Brescia, dove gli ospedali sono un po’ sotto pressione. Ma la situazione ancora non è problematica.

Nella zona arancione rafforzata il 39% dei contagi è da varianti. Anche da voi e in che misura si rileva lincidenza del virus modificato?...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.