Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.363,02
    -153,44 (-0,60%)
     
  • Dow Jones

    34.935,47
    -149,06 (-0,42%)
     
  • Nasdaq

    14.672,68
    -105,59 (-0,71%)
     
  • Nikkei 225

    27.283,59
    -498,83 (-1,80%)
     
  • Petrolio

    73,81
    +0,19 (+0,26%)
     
  • BTC-EUR

    35.735,23
    +357,92 (+1,01%)
     
  • CMC Crypto 200

    955,03
    +5,13 (+0,54%)
     
  • Oro

    1.816,90
    -18,90 (-1,03%)
     
  • EUR/USD

    1,1872
    -0,0024 (-0,20%)
     
  • S&P 500

    4.395,26
    -23,89 (-0,54%)
     
  • HANG SENG

    25.961,03
    -354,29 (-1,35%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.089,30
    -27,47 (-0,67%)
     
  • EUR/GBP

    0,8534
    +0,0018 (+0,21%)
     
  • EUR/CHF

    1,0739
    -0,0026 (-0,25%)
     
  • EUR/CAD

    1,4790
    +0,0001 (+0,00%)
     

Mare Adriatico,Italia e Croazia studiano innovazioni per salvarlo

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 13 lug. (askanews) - Dai test sui robot salva-mare, agli strumenti per condividere i risultati delle ricerche scientifiche, fino ai processi da utilizzare per accelerare l'innovazione tecnologica mirata alla sostenibilità dell'Adriatico. Italia e Croazia tornano a confrontarsi nell'ambito del progetto europeo strategico di cooperazione transfrontaliera Interreg Italia - Croazia InnovaMare su temi cruciali per la crescita economica e turistica di tutta l'area. L'occasione per farlo sarà il secondo workshop formativo dedicato alla metodologia "Living Lab" applicata alla robotica e alla sensoristica subacquea, organizzato da ARTI - Agenzia Regionale per la Tecnologia e l'Innovazione e Camera per l'Economia croata, in modalità mista (online e in presenza) a Bari, Fiera del Levante, da domani fino al 16 luglio.

Gli incontri in programma, finalizzati a migliorare le connessioni tra le imprese, il settore pubblico, i centri di ricerca e sviluppo e gli enti accademici coinvolti nel progetto, accenderanno i riflettori anche sullo stato dell'inquinamento dell'Adriatico e sulla finalizzazione di soluzioni innovative per monitorarlo, tra cui i robot salva-mare, oggi allo stadio di prototipi, come la piattaforma SWAMP (Shallow Water Autonomous Multipurpose Platform), un catamarano modulabile e riconfigurabile, progettato per navigare in aree remote e in acque basse e attrezzato con tecnologie innovative per il monitoraggio e il rilevamento dei rifiuti in mare. SWAMP, frutto della collaborazione tra l'Università di Zagabria - Facoltà di Ingegneria Elettrica e Informatica (FER) e il CNR - Istituto di scienze Marine (Ismar), sarà al centro di una campagna di sperimentazione che interesserà, tra agosto e settembre, l'area lagunare di Venezia e le zone costiere croate.

A dare il via alla tre giorni saranno il presidente dell'ARTI Vito Albino, la direttora del Dipartimento Sviluppo Economico della Regione Puglia, Gianna Elisa Berlingerio, e il project manager, Mateo Ivanac della Camera croata dell'Economia, capofila del progetto.

"Ritrovarsi in presenza è fondamentale per rafforzare la collaborazione - ha dichiarato Ivanac - e a Bari abbiamo finalmente la possibilità d'interagire, presentare iniziative e portare nuove idee ed energie a un progetto che è già riuscito a mettere allo stesso tavolo stakeholders molto diversi tra loro, che lavoreranno su progetti altrettanto diversi, per questo arriviamo a Bari con grandi aspettative".

"Dopo aver mappato i principali attori dell'innovazione e le eccellenze in campo tecnologico dei due Paesi, il prossimo passo da compiere, il più importante, - ha aggiunto - sarà sviluppare un hub digitale dell'innovazione per la sostenibilità dell'Adriatico".

Il workshop si rivolge ai partner italiani e croati del progetto e ai loro stakeholder (imprese, istituti di ricerca ed enti locali), chiamati a giocare in squadra per accelerare i processi d'innovazione e definire modelli di business applicabili sulle due sponde dell'Adriatico.

L'appuntamento di Bari permetterà di compiere passi in avanti verso l'ambizioso obiettivo di sviluppare e consolidare un modello di ecosistema dell'innovazione per contenere l'inquinamento dell'Adriatico grazie a una rete sempre più efficace di collaborazione transfrontaliera.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli