Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.152,86
    +565,20 (+1,68%)
     
  • Nasdaq

    13.174,53
    +142,85 (+1,10%)
     
  • Nikkei 225

    27.448,01
    -699,50 (-2,49%)
     
  • EUR/USD

    1,2088
    +0,0012 (+0,10%)
     
  • BTC-EUR

    40.740,11
    -4.305,71 (-9,56%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.326,02
    -61,89 (-4,46%)
     
  • HANG SENG

    27.718,67
    -512,37 (-1,81%)
     
  • S&P 500

    4.128,71
    +65,67 (+1,62%)
     

Margot Sikabonyi: "Maria Martini? Per un periodo l'avevo rifiutata. Oggi insegno yoga e ho trovato me stessa"

Adalgisa Marrocco
·Contributor HuffPost Italia
·2 minuto per la lettura
Margot Sikabonyi (Photo: Eolo Perfido)
Margot Sikabonyi (Photo: Eolo Perfido)

Cos’è davvero il successo? La vera felicità è un miraggio? Il Benessere può essere comprato? Con queste domande è iniziato il percorso di Margot Sikabonyi, vent’anni fa, quando era ‘intrappolata’ in Maria Martini, amatissima protagonista della fiction Un medico in famiglia. Mentre la sua vera se stessa, la persona dietro il personaggio, cercava di emergere.

Attrice, insegnante di yoga, health coach. Ora Margot ha deciso di dedicarsi al benessere delle persone insegnando loro come vivere al meglio e di sintetizzare la sua esperienza nel libro Respira! Alla ricerca della calma nel caos (Santelli Editore, 2021).

Quando nasce l’idea di questo libro?

“Il percorso che mi ha spinto a scriverlo è iniziato tanto tempo fa. A 15 anni mi ero ritrovata ad affrontare la morte di mio padre, in concomitanza con l’uscita della prima serie di Un medico in famiglia. Ero giovanissima, stavo crescendo, questa serie di eventi mi aveva destabilizzata facendo nascere in me tante domande. E intanto sul set vedevo persone che avevano tanto successo ma non sembravano felici. Così ho iniziato un percorso, per cercare di capire quale fosse la verità, cosa fossero l’autentica gioia e il vero successo, per trovare il mio ‘centro’.”

E intanto conviveva con Maria Martini, il personaggio che l’ha fatta conoscere al grande pubblico.

“Sì. Ho convissuto con Maria per la maggior parte della mia esistenza: l’ho interpretata dai 15 ai 33 anni. All’inizio c’era molta voglia di esserle amica, ma all’improvviso lei ha iniziato ad essere più ‘forte’ di me: le persone non riuscivano a distinguere tra persona e personaggio mentre io, adolescente, andavo alla ricerca della mia identità. Così era iniziato un periodo di rifiuto in cui ho finto che lei non esistesse. Quando mi fermavano in strada dicendo &...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.