Italia markets closed
  • Dow Jones

    30.307,08
    +816,19 (+2,77%)
     
  • Nasdaq

    11.164,47
    +349,04 (+3,23%)
     
  • Nikkei 225

    26.992,21
    +776,42 (+2,96%)
     
  • EUR/USD

    0,9994
    +0,0167 (+1,70%)
     
  • BTC-EUR

    20.166,87
    +492,95 (+2,51%)
     
  • CMC Crypto 200

    457,15
    +11,72 (+2,63%)
     
  • HANG SENG

    17.079,51
    -143,32 (-0,83%)
     
  • S&P 500

    3.789,58
    +111,15 (+3,02%)
     

Mariastella Gelmini: "Forza Italia ha scelto di seguire Salvini"

Mariastella Gelmini parla di Berlusconi
Mariastella Gelmini parla di Berlusconi

Nel corso del suo intervento ai microfoni di Radio24, Mariastella Gelmini torna sulla sua scelta di lasciare Forza Italia e afferma di non aver avuto più contatti con Silvio Berlusconi: “La stima e il rispetto rimangono immutati”.

Un nuovo inizio

“Ci siamo! Con l’intesa raggiunta tra Carlo Calenda e Matteo Renzi nasce oggi il polo della serietà e del buongoverno, che può proseguire il lavoro avviato dal governo Draghi. Buonsenso, concretezza, futuro. È un nuovo inizio”. Con queste parole, Mariastella Gelmini ha commentato la nascita del cosiddetto terzo polo sancita dall’accordo tra Renzi e Calenda.

Un nuovo inizio in tutti i sensi per il Ministro agli Affari Regionali. dopo lo strappo con Forza Italia seguito alla caduta del Governo Draghi e la scelta di aderire al progetto politico di Calenda.

“Lasciare Forza Italia, una scelta difficile”

Intervenuta ai microfoni di Radio24 la Gelmini l’ha definita una scelta molto difficile:”Una scelta sofferta ma inevitabile nel momento in cui Forza Italia ha deciso secondo me inspiegabilmente, e inspiegabilmente anche per molti italiani, di inseguire Salvini, che a sua volta ha paura dei sondaggi che premiano la Meloni.”

“Berlusconi? Non l’ho più sentito”

Quanto a Berlusconi, afferma di non aver più avuto contatti con lui dopo la sua decisione di lasciare Forza Italia: ” Non l’ho più sentito, devo dire che da parte mia la stima e il rispetto verso il presidente Berlusconi rimangono immutati”

Una scelta, quella di staccare la spina al Governo Draghi, che la Ministra reputa inspiegabile: ” In quella scelta non solo non mi sono riconosciuta ma non ho voluto condividere la responsabilità di un danno profondo all’Italia, alle imprese, ai ceti produttivi agli elettori”.