Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.092,67
    +505,01 (+1,50%)
     
  • Nasdaq

    13.148,91
    +117,23 (+0,90%)
     
  • Nikkei 225

    27.448,01
    -699,50 (-2,49%)
     
  • EUR/USD

    1,2077
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • BTC-EUR

    39.807,77
    -5.402,73 (-11,95%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.296,00
    -91,91 (-6,62%)
     
  • HANG SENG

    27.718,67
    -512,37 (-1,81%)
     
  • S&P 500

    4.119,94
    +56,90 (+1,40%)
     

Mario Biondi: "Boicottate radio con musica straniera". Insulti sui social

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·1 minuto per la lettura

"Volete fare i rivoluzionari? Volete fare qualcosa per la musica italiana? Boicottate tutte le radio che programmano musica straniera. Fatelo per una settimana, se non bastasse per due, ma siate coerenti e vedremo insieme se essere uniti per la musica può servire. Coraggio!". Questo invito (accompagnato dagli hashtag #musicaitaliana e #sosteniamolanostramusica), rivolto domenica da Mario Biondi sui social a tutti i suoi follower, ha scatenato sul cantante e musicista siciliano una tempesta di critiche e di insulti sui social.

In molti hanno ironizzato sul fatto che la maggior parte delle canzoni incise e interpretate da Biondi sia in lingua inglese. Tra i tanti, anche il conduttore Fabio Canino: "Scusate così per sapere...ma Mario Biondi, quello che vorrebbe boicottare le radio italiane che non trasmettono abbastanza canzoni italiane, non è quello che canta in inglese? #sovranistidestacippa", ha scritto Canino su Twitter. Ma tante persone comuni hanno sottolineato la stessa cosa: "Lui che canta in inglese vuole boicottare le radio che non trasmettono canzoni italiane... È la barzelletta del giorno", ha scritto un utente. Tantissimi sono stati i commenti simili, anche con un linguaggio più violento e scurrile.

Tanto che il cantante oggi è tornato sui social per precisare: "Sovranista, rincoglionito, incoerente, sfigato, scemo, stupido, assurdo, imbarazzante, poco serio, da abolire, blasfemo, ridicolo. Le persone frustrate devono necessariamente vedere il peggio negli altri per sentirsi migliori", ha scritto su Facebook Biondi. Spiegando anche su Twitter e Instagram: "Avete una vaga idea di quanti artisti italiani cantino in lingue diverse dall'italiano? Sono italiani? Cantano musica italiana in lingue diverse? Non è sempre musica italiana? Non in italiano", ha sottolineato. "Io vorrei che le radio sostenessero il prodotto italiano. Vi è chiaro adesso? Se non vi è chiaro, avete qualche problema di udito", ha aggiunto in un video.