Italia markets close in 8 hours 5 minutes
  • FTSE MIB

    24.712,72
    +100,68 (+0,41%)
     
  • Dow Jones

    34.777,76
    +229,26 (+0,66%)
     
  • Nasdaq

    13.752,24
    +119,44 (+0,88%)
     
  • Nikkei 225

    29.518,34
    +160,52 (+0,55%)
     
  • Petrolio

    65,29
    +0,39 (+0,60%)
     
  • BTC-EUR

    48.490,02
    +346,04 (+0,72%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.568,68
    +132,90 (+9,26%)
     
  • Oro

    1.834,00
    +2,70 (+0,15%)
     
  • EUR/USD

    1,2154
    -0,0015 (-0,12%)
     
  • S&P 500

    4.232,60
    +30,98 (+0,74%)
     
  • HANG SENG

    28.546,11
    -64,54 (-0,23%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.028,79
    -5,46 (-0,14%)
     
  • EUR/GBP

    0,8642
    -0,0051 (-0,59%)
     
  • EUR/CHF

    1,0945
    -0,0007 (-0,06%)
     
  • EUR/CAD

    1,4718
    -0,0032 (-0,22%)
     

Mario Biondi risponde alle critiche: "Vi è chiaro adesso?"

·1 minuto per la lettura
Mario Biondi replica
Mario Biondi replica

Mario Biondi si è espresso in merito alla protesta dei “bauli in piazza” e ha chiesto ai suoi fan di mandare un segnale di solidarietà alla categoria dei lavoratori dello spettacolo smettendo di ascoltare la musica straniera in radio.

Mario Biondi: la replica alle polemiche

Mario Biondi ha proposto di smettere di ascoltare le radio che trasmessono musica estera per appoggiare la protesta dei lavoratori dello spettacolo. Il suo punto di vista ha generato una bufera in rete, e oltre a Selvaggia Lucarelli e Fabio Canino, in tanti si sono scagliati contro Mario Biondi via social, costringendolo a spiegare ulteriormente il suo punto di vista.

“Volete fare i rivoluzionari? Volete fare qualcosa per la musica italiana? Esortate tutte le radio che programmano musica straniera a proporre musica nazionale o boicottatele”, aveva scritto Biondi in un post via social. A seguito degli insulti da lui ricevuti, il cantante ha replicato: “Sovranista, rincoglionito, incoerente, sfigato, scemo, stupido, assurdo, imbarazzante, poco serio, da abolire, blasfemo, ridicolo. Le persone frustrate devono necessariamente vedere il peggio negli altri per sentirsi migliori. Io vorrei che le radio sostenessero il prodotto italiano, vi è chiaro adesso?”

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.
<script>