Italia markets open in 6 hours 8 minutes
  • Dow Jones

    31.253,13
    -236,94 (-0,75%)
     
  • Nasdaq

    11.388,50
    -29,66 (-0,26%)
     
  • Nikkei 225

    26.491,61
    +88,77 (+0,34%)
     
  • EUR/USD

    1,0575
    -0,0012 (-0,12%)
     
  • BTC-EUR

    28.623,29
    +1.077,37 (+3,91%)
     
  • CMC Crypto 200

    673,27
    +21,03 (+3,22%)
     
  • HANG SENG

    20.120,68
    -523,60 (-2,54%)
     
  • S&P 500

    3.900,79
    -22,89 (-0,58%)
     

Marocchinate, Anvm: "Medaglia alla bandiera dei Vigili fuoco, salvarono da violenze"

·3 minuto per la lettura

(Adnkronos) - “I vigili del fuoco salvarono la popolazione di Sermoneta e Colleferro dalle violenze dei coloniali francesi”. Lo sottolinea l'Associazione Nazionale Vittime delle Marocchinate (Anvm) proponendo una "medaglia alla bandiera del Corpo". Infatti ricorre oggi l’anniversario dello sbarco degli alleati nel tratto di costa tra Anzio e Nettuno, avvenuto nel 1944 e conosciuto come operazione “Shingle”.

"Molto si è scritto su questo sbarco e sulle conseguenti operazioni militari, ma nessuno ha messo in rilievo il comportamento dei Vigili del Fuoco italiani e che una 'colonna mobile' sbarcò al seguito delle truppe alleate mentre i Vigili del Fuoco sfollati da Littoria – Latina a Sermoneta salvarono la popolazione civile dalle violenze delle truppe coloniali francesi", ricorda l'Associazione Nazionale Vittime delle Marocchinate.

"La storia è da raccontare. In prossimità dello sbarco, le autorità del governo militare alleato ebbero la falsa notizia che i servizi antincendio nei territori controllati dai tedeschi fossero inefficienti e inattivi - continua - Fu per questo motivo che il personale del 54esimo Corpo Vigili del Fuoco 'Napoli' costituì un reparto speciale da impiegare al seguito delle armate angloamericane. Aggregati a reparti secondari della Quinta Armata, i pompieri italiani, al comando dell’ingegner Sinigaglia, furono imbarcati su una tipica nave da carico classe 'Liberty' e, in vista dell’avanzata verso Roma, sbarcati nel maggio del 1944 dietro le linee di combattimento".

"Giunti nella Capitale scoprirono che, malgrado le difficoltà e gli automezzi requisiti dai tedeschi in ritirata, il Corpo dei Vigili del Fuoco di Roma era perfettamente in grado di soccorrere la popolazione - prosegue - Fu forse per questo motivo che la colonna mobile non si fermò a Roma ma proseguì, insieme ai reparti antincendio del Genio del Corpo Italiano di Liberazione, al seguito dei reparti inglesi ed americani fino a Bologna, nel corso della 'Campagna d’Italia'”.

"Nel frattempo, i Vigili del Fuoco della Rsi, il 30 gennaio 1944 ricevettero l’ordine di evacuare Littoria, oggi Latina. Il comando provinciale si trasferì nel comune di Sermoneta. Gli alloggi dei vigili del fuoco erano situati nei sotterranei del Castello dei Caetani - continua l'Anvm - Per le condizioni poco igieniche il vigile del fuoco De Angelis Nicola contrasse una malattia e a luglio dello stesso anno morì. Un altro vigile del fuoco, Femiano Antonio mentre si recava a Sermoneta fu fatto prigioniero dai tedeschi, che stazionavano presso l’abbazia di Valvisciolo, e mandato a Cassino. Dopo 15 giorni rientrò al Reparto".

"La presenza dei Vigili del Fuoco a Sermoneta e Colleferro, fece da deterrente alle violenze dei coloniali francesi. Infatti, queste truppe si abbandonarono a centinaia di stupri e saccheggi nei comuni dei Lepini come Prossedi, Maenza, Roccagorga, Sezze, Bassiano, Norma e Cori - osserva l'Associazione - Un solo caso accertato di stupro fu registrato a Sermoneta, grazie alla presenza del Comando Provinciale dei Vigili del fuoco che stazionò a Sermoneta dal 30 gennaio 1944 alla fine di giugno 1944. Anche nel paese di Colleferro, la presenza dei Vigili del Fuoco salvò la popolazione". L’Associazione Nazionale Vittime delle Marocchinate, che da anni effettua ricerche storiche sulle violenze perpetrate dai magrebini inquadrati nell’esercito francese, lancia un appello "affinché alla Bandiera del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco sia concessa una onorificenza per l’attività svolta in guerra dal suo personale".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli