Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.124,91
    +319,70 (+1,29%)
     
  • Dow Jones

    35.061,55
    +238,20 (+0,68%)
     
  • Nasdaq

    14.836,99
    +152,39 (+1,04%)
     
  • Nikkei 225

    27.548,00
    +159,80 (+0,58%)
     
  • Petrolio

    72,17
    +0,26 (+0,36%)
     
  • BTC-EUR

    28.462,03
    +737,12 (+2,66%)
     
  • CMC Crypto 200

    786,33
    -7,40 (-0,93%)
     
  • Oro

    1.802,10
    -3,30 (-0,18%)
     
  • EUR/USD

    1,1770
    -0,0003 (-0,02%)
     
  • S&P 500

    4.411,79
    +44,31 (+1,01%)
     
  • HANG SENG

    27.321,98
    -401,86 (-1,45%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.109,10
    +50,05 (+1,23%)
     
  • EUR/GBP

    0,8561
    +0,0014 (+0,17%)
     
  • EUR/CHF

    1,0819
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • EUR/CAD

    1,4784
    +0,0003 (+0,02%)
     

Martina Caironi, la campionessa paralimpica che esorta i ragazzi a essere forti oltre le difficoltà

·2 minuto per la lettura
Photo credit: Marco Mantovani - Getty Images
Photo credit: Marco Mantovani - Getty Images

Da martedì 24 agosto a domenica 5 settembre Tokyo ospiterà l'edizione numero 16 dei Giochi Paralimpici Estivi e Martina Caironi sarà una delle più attese protagoniste. Classe 1989, Martina Caironi è la donna dei record, è infatti detentrice del record nel salto in lungo, con una performance di 5,05 metri.

Oltre ad essere una sportiva con pochi rivali, Martina Caironi è attiva nel sociale, dedicandosi soprattutto ai giovani, a cui cerca sempre di infondere la voglia di non mollare, qualsiasi cosa accada. Come ha raccontato in un'intervista a Repubblica: "Vado tanto nelle scuole, parlo coi ragazzi, mi spendo come posso nel sociale per diffondere la cultura paralimpica, l'ottimismo, la speranza, la forza che va oltre le disgrazie e il dolore". Per Martina, la vita non è sempre stata costellata di successi e proprio per questo i suoi insegnamenti sono ancora più preziosi.

Photo credit: NurPhoto - Getty Images
Photo credit: NurPhoto - Getty Images

La sua carriera sportiva come atleta paralimpica comincia dopo il 2007, anno in cui a seguito di un incidente stradale Martina subisce l'amputazione della gamba sinistra. Da quel momento in poi, Martina comincia a competere con una protesi e la sua ascesa è fulminea. Ai giochi paralimpici di Londra e Rio guadagna 3 ori e 1 argento, diventa 5 volte campionessa mondiale e 4 volte campionessa europea. Per l'atleta arriva anche un momento buio: una squalifica di 3 anni per doping che la costringe a saltare l'appuntamento di Dubai 2019. In quell'occasione Martina Caironi aveva usato una crema cicatrizzante per curare un'ulcera, ma la pomata conteneva a un metabolita di steroide anabolizzante, che lei commenta come "una leggerezza di un medico federale, ma la responsabilità ricade sull'atleta".

Dopo 3 anni quindi Martina è tornata a gareggiare e l'ha fatto in grande stile: l'ultimo successo è arrivato agli Europei di atletica paralimpica di Bydgoszcz, in Polonia. L'atleta azzurra ha conquistato l'oro nei 100 metri e ha replicato vincendo anche l'oro nel salto in lungo, con una performance che le ha permesso di battere il record del mondo che lei stessa aveva realizzato in precedenza. "Bisogna sfruttare ogni occasione che ci arriva. Dopo che ti hanno tolto tanto, ogni cosa che viene vale doppio. Questo è uno di quei momenti" ha spiegato Martina a Caironi a Repubblica, infondendo con una sola frase, tutto il coraggio di cui abbiamo bisogno.

Photo credit: NurPhoto - Getty Images
Photo credit: NurPhoto - Getty Images
Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli