Italia markets close in 5 hours 20 minutes
  • FTSE MIB

    21.523,78
    +169,13 (+0,79%)
     
  • Dow Jones

    31.097,26
    +321,86 (+1,05%)
     
  • Nasdaq

    11.127,84
    +99,14 (+0,90%)
     
  • Nikkei 225

    26.153,81
    +218,19 (+0,84%)
     
  • Petrolio

    107,98
    -0,45 (-0,42%)
     
  • BTC-EUR

    18.580,38
    +217,73 (+1,19%)
     
  • CMC Crypto 200

    418,83
    -1,31 (-0,31%)
     
  • Oro

    1.806,60
    +5,10 (+0,28%)
     
  • EUR/USD

    1,0447
    +0,0021 (+0,20%)
     
  • S&P 500

    3.825,33
    +39,95 (+1,06%)
     
  • HANG SENG

    21.830,35
    -29,44 (-0,13%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.475,91
    +27,60 (+0,80%)
     
  • EUR/GBP

    0,8612
    -0,0010 (-0,11%)
     
  • EUR/CHF

    1,0019
    +0,0016 (+0,16%)
     
  • EUR/CAD

    1,3421
    -0,0013 (-0,09%)
     

A marzo settore legno-arredo +8,7%, supera livelli pre-Covid

(Adnkronos) - Lo scorso marzo il settore italiano del legno-arredo ha recuperato i livelli del 2019, precedenti la crisi pandemica. La produzione cumulata in Italia dei dodici mesi precedenti ha registrato un incremento dello 0,8% sul 2019, a fronte del ritardo del 5,3% della Francia e del 5,7% della Germania. Il settore che meglio ha recuperato i livelli di produzione pre-pandemia, secondo i dati di Confartigianato Lombardia, è quello del Legno-Mobili con un incremento dell'8,7%. Per il sistema manifatturiero di legno e mobili le tensioni sui costi generati dal caro materie prime e dalla crisi energetica si associano alla scarsità di materie prime, che nel primo trimestre 2022 ostacola quasi una impresa manifatturiera su quattro (22,7%), per salire al 24,2% nei mobili, fino al 27,6% del legno.

Sul mercato del lavoro, persiste una elevata la difficoltà di reperimento di operai specializzati, che nel settore del legno a maggio 2022 è del 59,4%, in aumento di 5,8 punti rispetto ad un anno prima. L’Italia è il secondo Paese produttore di mobili dell’Unione europea, con un valore della produzione che nel 2020 è di 20,5 miliardi di euro, dietro alla Germania con 21,3 miliardi e davanti alla Polonia con 11,3 miliardi, alla Francia con 5,8 miliardi e alla Spagna con 5,5 miliardi. Il settore del legno e mobili conta 37mila micro e piccole imprese con meno di 50 addetti, nelle quali sono occupati 153 mila addetti, il 98,7% delle imprese del settore.

Le vendite all’estero di mobili Made in Italy presentano una marcata specializzazione territoriale. Le dodici province disposte lungo l''asse dei mobili' della pianura padana (Udine, Pordenone, Venezia, Treviso, Padova, Vicenza, Verona, Brescia, Bergamo, Milano, Monza e Brianza e Como) nel 2021 registrano complessivamente i due terzi (65,9%) delle esportazioni, pari a 7,1 miliardi di euro.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli