Italia markets open in 4 hours 29 minutes
  • Dow Jones

    30.316,32
    +825,43 (+2,80%)
     
  • Nasdaq

    11.176,41
    +360,97 (+3,34%)
     
  • Nikkei 225

    27.061,58
    +69,37 (+0,26%)
     
  • EUR/USD

    0,9976
    -0,0010 (-0,10%)
     
  • BTC-EUR

    20.288,45
    +569,61 (+2,89%)
     
  • CMC Crypto 200

    458,86
    +13,42 (+3,01%)
     
  • HANG SENG

    17.858,81
    +779,30 (+4,56%)
     
  • S&P 500

    3.790,93
    +112,50 (+3,06%)
     

Massimo Polidoro: "Così Piero Angela mi ha cambiato la vita"

Agf

AGI - "Quel libro, a me giovanissimo appassionato di misteri, aprì letteralmente un mondo. E dopo averlo letto tutto d'un fiato mi venne naturale scrivere al suo autore, per ringraziarlo". Il libro era "Viaggio nel mondo del paranormale", l'autore Piero Angela: a ricordare l'episodio all'AGI è l'estensore di quella lettera, Massimo Polidoro, 53 anni, giornalista, scrittore e - proprio sulle orme di Angela - divulgatore scientifico.

"Il bello è che Angela mi rispose - prosegue Polidoro - manifestando l'intenzione di incontrarmi e di conoscermi: non potevo ancora saperlo, ma tutto ciò mi avrebbe letteralmente cambiato la vita". Già, perche' Angela, che a quei tempi ha una lunga carriera di cronista Rai alle spalle, gli presenta il grande illusionista James Randi, esperto di indagini sul paranormale, e aiuta Massimo ad ottenere una borsa di studio negli Usa. Dove sarà proprio Randi ad insegnargli come smascherare maghi e presunti tali.

Al rientro in Italia, Polidoro è tra i fondatori - proprio con il papa' di "Quark" - del Cicap, il Comitato italiano per il controllo delle affermazioni sul paranormale, l'associazione di cui è tuttora segretario nazionale.

"Con Piero - continua Polidoro - negli anni si cementò un rapporto bellissimo, non solo professionale ma di amicizia e di affetto: la collaborazione andò oltre il Cicap, allargandosi anche ad alcune delle trasmissioni di Angela".

"Non abbiamo mai smesso di frequentarci - dice Polidoro con la voce incrinata dalal commozione - L'ultima volta a giugno, per parlare di 'Superquark' e anche di nuovi progetti. Perché Piero, anche a 93 anni suonati, era così, era una sorgente continua di idee, di progetti, di stimoli, con la voglia mai spenta di fare e di sapere. 'Quando sono in piedi sono un novantenne, ma quando mi siedo ho quarant'anni di meno', mi confessava nella sua cucina trasformata in studio. Mi piace ricordarlo così".