Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.709,56
    -254,37 (-0,98%)
     
  • Dow Jones

    34.584,88
    -166,44 (-0,48%)
     
  • Nasdaq

    15.043,97
    -137,96 (-0,91%)
     
  • Nikkei 225

    30.500,05
    +176,71 (+0,58%)
     
  • Petrolio

    71,96
    -0,65 (-0,90%)
     
  • BTC-EUR

    41.080,96
    +502,37 (+1,24%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.193,48
    -32,05 (-2,62%)
     
  • Oro

    1.753,90
    -2,80 (-0,16%)
     
  • EUR/USD

    1,1732
    -0,0040 (-0,34%)
     
  • S&P 500

    4.432,99
    -40,76 (-0,91%)
     
  • HANG SENG

    24.920,76
    +252,91 (+1,03%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.130,84
    -39,03 (-0,94%)
     
  • EUR/GBP

    0,8535
    +0,0006 (+0,06%)
     
  • EUR/CHF

    1,0927
    +0,0013 (+0,12%)
     
  • EUR/CAD

    1,4966
    +0,0044 (+0,29%)
     

Maternità: fa per me?

·5 minuto per la lettura
maternità
maternità

Per alcune persone è facile rispondere alla domanda “La maternità fa per te?”. Hanno sempre immaginato di diventare genitori, hanno la loro vita impostata come vogliono e sono pronti. Altri ci pensano per anni o hanno bisogno di fare dei seri tentativi prima di fare il grande passo. Alcuni, semplicemente, non hanno mai avuto la voglia di crescere dei figli.

Ovunque ti trovi in questo spettro, puoi prendere una decisione consapevole sul diventare madre o padre. Se hai problemi a decidere se vuoi avere un figlio, o ti stai semplicemente chiedendo se sei pronta a intraprendere questo progetto che dura tutta la vita, speriamo che questo articolo ti aiuti ad avvicinarti a una decisione.

Una cosa è certa: nessuno è obbligato ad avere figli. Non c’è una ragione impellente per averli, a parte le tue speranze e i tuoi sogni. Sta completamente a te scegliere – o non scegliere – la maternità. Se, infine, capisci di essere realmente pronta, allora puoi iniziare a farti un quadro completo sulla gravidanza prima di intraprendere questo viaggio.

Cosa c’è di così difficile nella maternità?

Essere un genitore può essere divertente e soddisfacente in un modo che non puoi immaginare completamente se non hai figli. È davvero un lavoro duro, più di quanto si possa immaginare finché non lo si è fatto.

Cosa rende difficile l’essere genitore? In poche parole:

  • L’essere genitore richiede molto tempo ed energia, con poche pause per rinfrescarsi e ricaricarsi.

  • Le mamme e i papà non hanno quasi mai abbastanza tempo, denaro, supporto emotivo, formazione o preparazione per fare il lavoro che vogliono fare.

  • Ti mette di fronte ai tuoi problemi emotivi mentre i tuoi figli inevitabilmente esercitano molteplici pressioni.

  • Gli errori che commettete nel crescere i figli – e ne commetterete alcuni di sicuro – si ripercuotono su coloro che amate di più: i vostri figli.

Avere un figlio è un grande cambiamento di vita, e poiché le donne in tutto il mondo hanno la maggiore responsabilità di crescere i figli, è un cambiamento che tipicamente colpisce la vita delle donne più di quella degli uomini. Significa aggiungere il modo in cui la società tratta i genitori (non bene) al modo in cui la società tratta le donne (neanche).

“La genitorialità – il lavoro di vitale importanza di crescere la prossima generazione – è trattata economicamente quasi come un hobby”, dice Patty Wipfler, fondatrice dell’associazione no-profit Hand in Hand Parenting. “Le donne già non ricevono abbastanza stipendio, sostegno o riconoscimento per i loro contributi alla società, e diventare genitori è una sorta di quadratura del cerchio”. Ogni adulto che lavora dovrà affrontare infelici compromessi tra lavoro e genitorialità.

I nuovi genitori che hanno un lavoro impegnativo – come molti di noi – si confrontano con un nuovo senso di responsabilità per la famiglia. Lunghe ore di lavoro possono aumentare il senso di isolamento emotivo che molti adulti affrontano comunque, e molti si sentono frustrati per non essere in grado di essere il tipo di genitore che vorrebbero essere. Inoltre, è indispensabile riuscire a garantire la piena stabilità economica.

Com’è davvero fare il genitore?

È difficile avere un senso realistico di come ci si sente ad essere madre o padre. Ecco alcune idee che potrebbero aiutarti a immaginarlo:

  • Leggi il libro della psicologa Harriet Lerner, The Mother Dance: How Children Change Your Life.

  • Dai un’occhiata alla vita reale della genitorialità occupandoti del bambino di un amico o di un parente durante la notte.

  • Prova a supporre di aver preso la decisione di avere un figlio e poi passa una settimana a pensare a come ciò ti fa sentire. Successivamente, supponi di aver deciso di non averne uno e vivi con questo pensiero per una settimana.

La maternità non è per tutti. Forse non hai mai voluto figli, o forse hai altre ambizioni per te stesso che prendersi cura dei bambini renderebbe impossibile.

“Siamo questa specie meravigliosamente creativa”, dice Mindy Toomay, una scrittrice e insegnante completamente a suo agio con la sua decisione di non avere figli. “Ma così tante persone non esplorano mai il loro potenziale creativo o spirituale perché le esigenze familiari si mettono in mezzo. Per me sembrava che sarebbe stato un impedimento, lo è stato per molte persone che conosco, in particolare per le donne”. E certamente ci sono casi di persone che diventano genitori e poi si pentono della loro decisione.

D’altra parte, alcune persone sono sorprese da quanto gli piaccia essere genitori. “Ho fatto catering al liceo per non dover fare la babysitter”, dice Sally Webb, ora madre di due bambini piccoli. “Ma ho scoperto che mi piace molto fare la mamma”.

La maggior parte delle persone sono educate ad aspettarsi di diventare genitori. Tuttavia la decisione di avere un figlio non dipende da tua madre, da tuo padre o dai tuoi amici. È la tua vita e dipende da te.

maternità genitori
maternità genitori

Sei pronta ad avere un bambino?

Le seguenti domande sono state sviluppate con l’aiuto di Denise L. Carlini e Ann Davidman, co-autrici del libro Motherhood: Is It for Me? Your Step-by-Step Guide to Clarity. Sono state progettate per essere discusse con il tuo partner o un amico, per rimuginare da soli, per scriverle nel tuo diario o per portarle al tuo terapeuta.

Se vuoi crescere un bambino con un partner, mostra queste domande al tuo partner e vedi se ti sentiresti a tuo agio con le sue risposte. Le domande sono rivolte sia agli uomini che alle donne.

“Molto del nostro lavoro consiste nell’aiutare le persone a capire la loro ambivalenza in modo che possano passare al passo successivo di prendere una decisione”, dice Davidman. “Abbiamo scoperto che l’ambivalenza può essere il risultato di questioni emotive di cui la persona non è completamente consapevole, come il dolore irrisolto”.

Se pensi che potresti volere un figlio, non chiederti nemmeno a questo punto come avverrà, se biologicamente, tramite adozione o altro. Concentrati sui tuoi desideri personali di maternità.

  • Passi del tempo con i bambini? Ti piace?

  • Cosa ti è piaciuto dell’essere bambini? Cosa no?

  • Cos’hai apprezzato dell’educazione che hai ricevuto? Cosa non è andato bene?

  • Quali messaggi hai ricevuto su come dovrebbe essere un genitore?

  • Come ti senti rispondendo a queste domande?

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli