Italia markets closed
  • Dow Jones

    29.638,64
    -271,73 (-0,91%)
     
  • Nasdaq

    12.198,74
    -7,11 (-0,06%)
     
  • Nikkei 225

    26.433,62
    -211,09 (-0,79%)
     
  • EUR/USD

    1,1937
    -0,0033 (-0,27%)
     
  • BTC-EUR

    16.271,46
    +58,10 (+0,36%)
     
  • CMC Crypto 200

    381,30
    +16,70 (+4,58%)
     
  • HANG SENG

    26.341,49
    -553,19 (-2,06%)
     
  • S&P 500

    3.621,63
    -16,72 (-0,46%)
     

Medici positivi asintomatici richiamati in corsia in Belgio per fronteggiare il Covid

Adalgisa Marrocco
·Contributor HuffPost Italia
·1 minuto per la lettura
(Photo: KENZO TRIBOUILLARD via Getty Images)
(Photo: KENZO TRIBOUILLARD via Getty Images)

Medici positivi asintomatici richiamati in corsia in Belgio per fronteggiare l’ondata di Covid-19. Accade in 10 ospedali di Liegi: a riferirlo è la Bbc citando Philippe Devos, medico di terapia intensiva al Chc Liegi e presidente dell’Associazione belga dei sindacati medici.

Secondo il medico “non c’era altra scelta” se si voleva evitare che il sistema ospedaliero collassasse. Circa un quarto dello staff medico è infatti in malattia per Covid, spiega la Bbc. Nella città belga, una persona su tre sottoposta a tampone risulta positiva. Gli ospedali stanno trasferendo i pazienti altrove e cancellando gli interventi chirurgici non urgenti.

Pochi giorni fa, sottolinea ancora la Bbc, il ministro della Salute Frank Vandenbroucke aveva detto che il Paese era vicino a uno “tsunami” di infezioni e che le autorità non avevano più “il controllo di ciò che sta accadendo”.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.