Italia markets open in 7 hours 15 minutes
  • Dow Jones

    28.308,79
    +113,37 (+0,40%)
     
  • Nasdaq

    11.516,49
    +37,61 (+0,33%)
     
  • Nikkei 225

    23.567,04
    -104,09 (-0,44%)
     
  • EUR/USD

    1,1830
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • BTC-EUR

    10.062,67
    +667,20 (+7,10%)
     
  • CMC Crypto 200

    239,54
    +0,62 (+0,26%)
     
  • HANG SENG

    24.569,54
    +27,28 (+0,11%)
     
  • S&P 500

    3.443,12
    +16,20 (+0,47%)
     

Mediobanca, pronto a sostenere progetti ambiziosi - Del Vecchio a Messaggero

·2 minuti per la lettura
Logo di Mediobanca nella sede di Milano
Logo di Mediobanca nella sede di Milano

MILANO (Reuters) - Leonardo Del Vecchio è pronto a sostenere progetti ambiziosi per Mediobanca dopo aver consolidato la sua posizione di primo azionista salendo al 10,2%.

In un'intervista al Messaggero, l'imprenditore spiega i motivi per cui l'anno scorso ha investito in Mediobanca, "snodo" importante per la stabilità del sistema economico italiano insieme alla partecipata Generali.

"Abbiamo assistito a segnali che rischiavano di assottigliare queste caratteristiche - mi riferisco ad esempio allo scioglimento del patto di sindacato e al disinvestimento di soci importanti come Unicredit o Vincent Bollorè. Questo ha creato la necessità e l'opportunità di un mio personale contributo", spiega al quotidiano.

Tuttavia la sua holding Delfin, tramite la quale detiene la partecipazione, non è un "fondo attivista" e non ha "richieste o rivendicazioni", precisa.

"Abbiamo solo aspettative positive sul futuro di Mediobanca, come è giusto per un investitore. Valuteremo con attenzione l'operato del management e utilizzeremo il voto assembleare in modo sereno e costruttivo. Ho saputo da poco che ci sono tre liste, valuteremo i profili dei diversi candidati e prenderemo la decisione migliore nell'interesse della banca".

Sulle voci di una contrapposizione con il Ceo Alberto Nagel, Del Vecchio si limita a sottolineare: "ho sempre rispetto per i manager delle società in cui ho investito, e sono abituato a giudicare in base ai rendimenti che portano agli azionisti, non su simpatie o antipatie".

L'imprenditore poi ribadisce apprezzamento per il piano strategico di Mediobanca presentato a novembre e si riserva di valutare "il nuovo piano post Covid che è stato annunciato".

"Io non ho mai fretta, non anticipo giudizi e sto ai patti", aggiunge.

E su Generali, in cui Mediobanca è prima azionista con il 13% e lo stesso Del Vecchio ha il 4,8%: "una società a cui sono molto legato e che mi piacerebbe tornasse ad essere più centrale nello scacchiere mondiale. Ovviamente non è compito mio dire come, mi auguro che il management di Mediobanca e quello di Generali sappiano come fare".

(Gianluca Semeraro, in redazione a Milano Maria Pia Quaglia)