Italia markets close in 3 hours 45 minutes
  • FTSE MIB

    25.440,26
    +88,66 (+0,35%)
     
  • Dow Jones

    34.838,16
    -97,31 (-0,28%)
     
  • Nasdaq

    14.681,07
    +8,39 (+0,06%)
     
  • Nikkei 225

    27.641,83
    -139,19 (-0,50%)
     
  • Petrolio

    71,59
    +0,33 (+0,46%)
     
  • BTC-EUR

    32.386,73
    -1.095,66 (-3,27%)
     
  • CMC Crypto 200

    934,76
    -26,14 (-2,72%)
     
  • Oro

    1.813,50
    -8,70 (-0,48%)
     
  • EUR/USD

    1,1889
    +0,0013 (+0,11%)
     
  • S&P 500

    4.387,16
    -8,10 (-0,18%)
     
  • HANG SENG

    26.194,82
    -40,98 (-0,16%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.125,65
    +9,03 (+0,22%)
     
  • EUR/GBP

    0,8533
    -0,0018 (-0,21%)
     
  • EUR/CHF

    1,0733
    -0,0013 (-0,12%)
     
  • EUR/CAD

    1,4863
    +0,0021 (+0,14%)
     

Meno soldi al cashback, più ai lavoratori a rischio. Può M5s dire di no?

·2 minuto per la lettura
Mario Draghi (Photo: Riccardo AntimianiEPA)
Mario Draghi (Photo: Riccardo AntimianiEPA)

Quando mancano venti minuti al preconsiglio dei ministri convocato a palazzo Chigi alle due e mezzo del pomeriggio, la viceministra dell’Economia in quota 5 stelle Laura Castelli è a Montecitorio. Incrocia un gruppo di giornalisti e spiega che si sta lavorando alla “piccola rivoluzione” del cashback, non per bloccarlo ma per migliorarlo. A un centinaio di metri di distanza, sul tavolo del preconsiglio, è pronta la bozza di un decreto che all’articolo 1 recita: “Sospensione del programma cashback”. La protesta grillina dura da tre giorni, da quando Mario Draghi ha comunicato alla cabina di regia che l’operazione con copyright Conte-Casalino sarebbe stata fermata da subito e fino alla fine dell’anno. Ma l’estraniamento dei 5 stelle rispetto all’agenda e al lavoro del Governo (appena ieri l’intesa sui licenziamenti con le parti sociali) si arricchisce di un ulteriore elemento: il miliardo e mezzo che si risparmierà dallo stop al cashback andrà agli ammortizzatori sociali. Come fanno i grillini a dire di no?

La destinazione di questi soldi non è una mera operazione di contabilità. Nelle intenzioni di palazzo Chigi e del Tesoro, che ne hanno fissato la direzione, è una scelta politica. Dove politica non sta a significare una contrapposizione di principio ai 5 stelle in quanto partito, ma in quanto portatori di un’istanza che il premier non intende più tollerare. I grillini difendono la misura approvata durante il Conte 2 sostenendo ragioni che hanno a che fare con un utilizzo maggiore di bancomat e carte di credito contro il vecchio e “sporco” contante. Ancora, per dirla con le parole della viceministra all’Economia, perché il cashback è un “aspetto fondamentale di educazione alla transizione digitale”. Ma il cashback sono anche i furbetti che pagano cinque volte con il bancomat dal benzina...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli