Italia markets close in 1 hour 53 minutes
  • FTSE MIB

    24.454,23
    -146,12 (-0,59%)
     
  • Dow Jones

    33.733,35
    +56,08 (+0,17%)
     
  • Nasdaq

    14.002,29
    +6,19 (+0,04%)
     
  • Nikkei 225

    29.620,99
    -130,61 (-0,44%)
     
  • Petrolio

    61,47
    +1,29 (+2,14%)
     
  • BTC-EUR

    53.762,39
    +769,24 (+1,45%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.382,31
    +6,53 (+0,47%)
     
  • Oro

    1.737,50
    -10,10 (-0,58%)
     
  • EUR/USD

    1,1972
    +0,0017 (+0,14%)
     
  • S&P 500

    4.143,06
    +1,47 (+0,04%)
     
  • HANG SENG

    28.900,83
    +403,58 (+1,42%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.971,29
    +4,30 (+0,11%)
     
  • EUR/GBP

    0,8682
    -0,0008 (-0,09%)
     
  • EUR/CHF

    1,1033
    +0,0037 (+0,33%)
     
  • EUR/CAD

    1,5025
    +0,0051 (+0,34%)
     

Mercati alla prova del PIL USA

Investimenti Bnp Paribas
·2 minuto per la lettura

Mercati azionari senza particolari spunti ieri, con gli investitori che continuano a privilegiare le azioni legate all’economia reale. Sul futuro dei listini continua ad aleggiare la questione dei tassi dei titoli di Stato USA. L’audizione di Powell ha nuovamente confermato un atteggiamento accomodante della Fed e i limitati timori sul fronte delle spinte inflattive dei mesi a venire. Questo è bastato per calmierare i rendimenti T-Note. In un quadro in cui gran parte dei listini inglobano già gli scenari costruttivi emersi da diversi dati macro, la giornata odierna vedrà nel rilascio del PIL USA il momento clou. Il Presidente della Fed St. Louis, James Bullard, ha dichiarato che la banca centrale americana potrebbe iniziare a parlare di tapering entro fine 2021. Dati del PIL sostenuti potrebbero avere un impatto negativo per gli indici di Borsa, con i bond governativi che nella parte di curva lunga andrebbero a prezzare con più decisione un possibile rialzo del costo del denaro. Situazione diversa in Europa, con il focus rivolto alla pandemia. Mentre l’UE ha di nuovo messo sotto pressione le case farmaceutiche per ottenere i vaccini indispensabili per proseguire in tempi celeri ai diversi piani nazionali di vaccinazione, lo stop al lockdown di Pasqua annunciato da Angela Merkel e il contemporaneo blocco del canale di Suez hanno contribuito a risollevare i prezzi del petrolio dopo il recente sell-off. Se l’indebolimento della domanda derivante dal prolungamento delle restrizioni di alcuni Paesi rappresentano una variabile negativa, il meeting dell’OPEC+ della prossima settimana potrebbe decidere di mantenere la politica di tagli all’output.

I MARKET MOVER

Per quanto riguarda il Vecchio Continente, la giornata di oggi sarà particolarmente scarna di appuntamenti macroeconomici di rilievo. In particolare il focus degli investitori sarà relativo alla pubblicazione del bollettino economico della Banca Centrale Europea. Per gli Stati Uniti saranno invece da monitorare i dati sulle nuove richieste di sussidi di disoccupazione e il Prodotto Interno Lordo del quarto trimestre 2020. In serata attenzione all’audizione sull’economia e la politica monetaria di Richard Clarida, Vicepresidente della Federal Reserve.

Autore: Investimenti Bnp Paribas Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online