Italia Markets close in 1 hr 40 mins

I Mercati Azionari in Asia ed Europa Già Sentono il Peso dei Dazi

James Hyerczyk
Continueremo a vedere reazioni e controtendenze nei mercati azionari statunitensi perché il danno economico diretto derivante dai dazi imposti dagli Stati Uniti sembra essere relativamente contenuto, almeno per ora. Tuttavia, è probabile che i mercati azionari in Asia e in Europa inizino a subire pressioni di vendita.

Le preoccupazioni per una potenziale guerra commerciale tra gli Stati Uniti e i suoi principali partner commerciali in Canada, Unione Europea e Cina stanno facendo pressioni sui mercati azionari globali lunedì. I trader stanno reagendo agli eventi di ritorsione e all’imposizioni di nuovi dazi alla fine della settimana.

Venerdì, il ministro degli esteri canadese ha annunciato che Ottawa prevede di imporre circa 12,6 miliardi di dollari di contro dazi sui beni degli Stati Uniti il ​​1 ° luglio.

Secondo il ministro degli esteri Chrystia Freeland, il Canada sta lavorando a stretto contatto con l’Unione europea e il Messico per affrontare la macchina economica degli Stati Uniti. “Non aggraveremo la situazione, e non ci tireremo indietro“, ha detto Freeland.

Sempre venerdì, l’Unione Europea ha promulgato i dazi per oltre 3 miliardi di dollari sui beni degli Stati Uniti tra cui bourbon, yacht e motocicli.

Lunedì, il Financial Times ha riferito che l’UE potrebbe dare uno schiaffo agli Stati Uniti con un nuovo round di contro dazi dal valore di 300 miliardi di dollari.

In una dichiarazione scritta al Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti, l’UE ha definito piani chiari per rispondere ai potenziali doveri degli Stati Uniti sulle automobili europee. Secondo il Financial Times, i leader europei sono sempre più convinti che il presidente Donald Trump imporrà nuovi dazi sulle auto europee.

Il mese scorso, il 15 giugno, il Messico ha imposto contro dazi e alcuni di essi dell’Unione Europea sono entrati in vigore il 22 giugno.

Tutte queste mosse sono solo precursori della scadenza del 6 luglio quando Washington dovrà imporre 34 miliardi di dollari di dazi sulle esportazioni cinesi.

Continueremo a vedere reazioni e in controtendenze nei mercati azionari statunitensi perché il danno economico diretto derivante dai dazi imposti dagli Stati Uniti sembra essere relativamente contenuto, almeno per ora.

Tuttavia, è probabile che i mercati azionari in Asia e in Europa inizino a subire pressioni di vendita. Il Shanghai Composite è ora ribassista. Il Dax tedesco potrebbe aver dato un grosso segnale di vendita, oggi, con la pressione derivante da preoccupazioni di dazi e preoccupazioni sulla stabilità del governo tedesco.

La Maggiore Preoccupazione per i Tori del Petrolio è che la Domanda Non Provochi Problemi

Lunedì, i future sul petrolio greggio WTI e Brent stanno montando una forte rimonta intraday dopo l’apertura in ribasso. La vendita anticipata era prevista in quanto qualsiasi discussione sull’aumento della produzione, come abbiamo visto durante il fine settimana, tende a spingere i prezzi in ribasso. In questo caso, dopo un prolungato rally ad un massimo pluriennale, alcuni investitori long più deboli potrebbero aver cercato qualche scusa per bloccare i profitti.

Oggi, l’azione di prezzi suggerisce che i trader rialzisti non sono stati scossi dall’accordo estemporaneo tra il presidente Trump e l’Arabia Saudita per aumentare la produzione. Penso che si rendano conto che ci vorrà del tempo per spostare il petrolio aggiuntivo sul mercato. Nel frattempo, i prezzi continuano a essere sostenuti da problemi di approvvigionamento con Venezuela, Canada e Libia insieme pronti a sanzionare l’Iran.

Quindi, mentre l’aumento previsto della produzione da parte dei sauditi probabilmente accadrà, è improbabile che la trama abbia un impatto molto forte sui prezzi finché non verrà rivelata una cifra o un calendario effettivo per l’aumento della produzione.

Articoli Suggeriti 

Nel frattempo, il problema più grande è la domanda. L’offerta può essere manipolata e controllata, ma la domanda è un pò più difficile da controllare. I trader del greggio dovrebbero prestare maggiore attenzione ai titoli della domanda a breve termine, specialmente se i dazi iniziassero a causare danni economici in Cina.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: