Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.612,04
    +116,97 (+0,48%)
     
  • Dow Jones

    34.777,76
    +229,23 (+0,66%)
     
  • Nasdaq

    13.752,24
    +119,39 (+0,88%)
     
  • Nikkei 225

    29.357,82
    +26,45 (+0,09%)
     
  • Petrolio

    64,82
    +0,11 (+0,17%)
     
  • BTC-EUR

    48.299,50
    +1.548,68 (+3,31%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.480,07
    +44,28 (+3,08%)
     
  • Oro

    1.832,00
    +16,30 (+0,90%)
     
  • EUR/USD

    1,2168
    +0,0100 (+0,83%)
     
  • S&P 500

    4.232,60
    +30,98 (+0,74%)
     
  • HANG SENG

    28.610,65
    -26,81 (-0,09%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.034,25
    +34,81 (+0,87%)
     
  • EUR/GBP

    0,8694
    +0,0012 (+0,13%)
     
  • EUR/CHF

    1,0948
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,4751
    +0,0088 (+0,60%)
     

Mercati in cerca direzionalità

Bruno Chastonay
·2 minuto per la lettura

Scarse novità e i mercati finanziari restano senza impeto e senza spinta, in attesa dei dati su utili societari del primo trimestre, che partono questa settimana con le banche. INFLAZIONE, VIRUS, restano il focus principale, e la GEOPOLITICA, nonostante TAIW e UKR, non interessa piu’ di tanto. Già si PREVEDE una ripresa globale accelerata dalle RIAPERTURE post-covid, ad iniziare da UK, HK, e settoriale USA. Una pressione sulla POLITICA per le riaperture molto elevata. In settimana nuovi dati VIRUS da EU-CH, tra riaperture, allentamenti, e strette, con proteste in aumento, e COSTI insostenibili, e gli ILLECITI record. Record rinnovati in INDIA, BRAS, e altri, e guerra dei VACCINI sempre di attualità, tra efficacia ed effetti collaterali. VOLATILITA’ dei mercati destinata a risalire, in attesa dei DATI CINA, TASSE USA, INFLAZIONE USA. Una prudenza che torna nel momento in cui gli INDICI sono sui record massimi, con un elevato livello di iper-comprato. METALLI, COMMODITY ora sotto tono, tra aspettative di domanda al rialzo e timori per la ripresa, posticipata. Rientro delle aspettative di INFLAZIONE a condizionare YIELDS USA, e di conseguenza tutti gli altri.

Un DOLLARO che “tiene”, ma che non riesce a decollare, e non entusiasma piu’ di tanto, sui timori del piano BIDEN infrastrutture, debiti record, e rischio di disaffezione a fronte del crescente interesse continuo per CRIPTO, e valute VIRTUALE dalle banche centrali, e come alternativa spinta per EMERGENTI, ricerca RENDIMENTI maggiori. I DATI economici confermano le aspettative, e con mercati che guardano al post-covid, scarso interesse. OGGI mercati stabili, sotto tono. YIELDS stabili, SPREAD invariato su recente max. COMMODITY, METALLI sotto tono, PETROLIO cede e poi recupera, entro taglio produzione Opec+, previsione domanda, tensioni geopolitiche. Gli INDICI in calo dai record max, cedono banche, tecno, trasporti e telefonia. Meglio industriali. Peso sulle aziende in aucap, emissione, raccolta fondi. Sulle VALUTE abbiamo un DOLL, CHF, YEN sostenuti, stabile GBP dopo prese profitto. Stabili ANGLO, TURK. Meglio LATAM, ex BRAS, ARG. Cede qualcosa URSS, meglio EST-Eu. recupera YUAN, cedono ASIA, con INDIA la peggiore. Tetto e leggero calo per EURO. Le valute CRIPTO sostenute, oggi -2/+2, vicine ai massimi, e BITCOIN supera 60K. Dai CHARTS abbiamo gli INDICI in fase correttiva innescata nel previsto, con indicatori in ampio overbought e resistenze. Sempre entro fascia prevista il PETROLIO. Tetto per ORO, ARG, con mercati molto long, e con elevate aspettative. Sostegno per il DOLLARO, tetto per EURO intatti.

Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online