Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.938,52
    -66,88 (-0,26%)
     
  • Dow Jones

    34.580,08
    -59,71 (-0,17%)
     
  • Nasdaq

    15.085,47
    -295,85 (-1,92%)
     
  • Nikkei 225

    28.029,57
    +276,20 (+1,00%)
     
  • Petrolio

    66,22
    -0,28 (-0,42%)
     
  • BTC-EUR

    43.265,40
    -4.695,66 (-9,79%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.367,14
    -74,62 (-5,18%)
     
  • Oro

    1.782,10
    +21,40 (+1,22%)
     
  • EUR/USD

    1,1317
    +0,0012 (+0,10%)
     
  • S&P 500

    4.538,43
    -38,67 (-0,84%)
     
  • HANG SENG

    23.766,69
    -22,24 (-0,09%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.080,15
    -27,87 (-0,68%)
     
  • EUR/GBP

    0,8550
    +0,0056 (+0,66%)
     
  • EUR/CHF

    1,0378
    -0,0019 (-0,18%)
     
  • EUR/CAD

    1,4528
    +0,0056 (+0,39%)
     

Mercati finanziari 2022, come prepararsi? Ecco cosa ci aspetta

·3 minuto per la lettura

Presto per prepararsi all’arrivo del 2022? Per chi opera nei mercati finanziari è già tempo. Vediamo quindi i mercati finanziari cosa ci riservano nel 2022 e come approcciare con una calibrazione delle strategie di investimento.

I problemi di cui l’investitore dovrà preoccuparsi sono quelli presentati nel corso del 2021 e quelli che si sono affacciati più di recente sulla scena internazionale. Intendiamo cioè gli squilibri sul lato dell’offerta (carenza di chip; scali portuali merci in ritardo o bloccati) e i costi produttivi aumentati come conseguenza degli squilibri.

Da considerare anche la reazione delle banche centrali all’eccessiva inflazione che, anche secondo BlackRock, non è così transitoria come alcuni volevano farci credere. E non trascuriamo la crisi del settore immobiliare in Cina, dove il governo ha costretto il fondatore di Evergrande a pagare di tasca sua i debiti, ma la carenza di liquidità colpisce tutto il settore. E poi in Cina si segnala il cambio di politica economica.

Mercati finanziari 2022 cosa fare?

Secondo i consigli di Neuberger Berman, come riportati dal Financialounge, sarà bene nel 2022 trasferire un po’ del portafoglio verso la liquidità. Questo significa crearsi delle riserve perché la volatilità sui mercati è attesa essere probabilmente più ampia del previsto.

Cosa potrebbe significare questo? Che potenzialmente in alcuni periodo del prossimo anno le Borse potrebbero recedere dopo la forte crescita vissuta a partire da aprile 2020 e che ha condotto i mercati finanziari su record senza precedenti.

Ciò è avvenuto perché le banche centrali hanno inondato di liquidità i mercati per garantire il sistema economico dal collasso, ma a partire dal 2022 potrebbero iniziare le strette con conseguente riduzione della liquidità. I mercati azionari, in particolare, potrebbero risentirne in alcuni frangenti.

I mercati finanziari nel 2022 potrebbero quindi essere meno positivi di come li abbiamo visti fino a ora.

L’ottimismo resta, ma attenzione al cambio di ciclo

L’ottimismo non è sparito dai mercati finanziari e non lo sarà neppure nel 2022, solo che c’è maggiore prudenza per via dei nodi che si sono venuti a creare e che non paiono essere risolvibili nell’immediato.

In particolare i ribassi sono previsti nei primi mesi del 2022, ma l’orizzonte resta positivo sui 12 mesi.

L’interrogativo è: se le azioni sono su valutazioni eccessive, e le obbligazioni governative (i titoli di Stato) sono su interessi bassi se non addirittura negativi, quali posizioni privilegiare?

In sostanza siamo nella fase di passaggio da una ripresa di inizio ciclo a una di espansione di metà ciclo, secondo Neuberger Berman.

In definitiva, se gli investitori riusciranno a superare bene questo passaggio attuale un po’ critico, potranno poi approfittare della fase di metà ciclo dove gli indicatori sono molto positivi.

A 12 mesi crescita stabile

Gli analisti di Neuberger Berman vedono a 12 mesi una crescita che va verso la stabilizzazione positiva, grazie ad un aumento degli ordini, all’aumento dei salari e all’incremento degli investimenti. Il rapporto ordini/scorte è da record in molti settori.

Fed e Bce, poi, forniscono rassicurazioni che non lasceranno soli i mercati finanziari nel 2022 e l’economia reale.

Da preferire, quindi, l’azionario europeo (e quello italiano, perché no), l’azionario emergente e quello giapponese partito un po’ in ritardo rispetto agli altri mercati finanziari mondiali. Meno USA, invece, e più prudenza.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE:

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli