Italia Markets open in 3 hrs 45 mins

Mercati finanziari: la sintesi quotidiana dei fatti

Pierpaolo Molinengo
 

La sintesi quotidiana dei principali eventi accaduti sui mercati finanziari redatta dall’Ufficio Ricerca ed Analisi di Banca Finnat .

Borse Mondiali

Stati Uniti

In lettera American Express (-0,84%). Mastercard segna una contrazione dell’1,72%. Pfizer sale dello 0,49%.

Negativa Intel (-1,65%). Facebook perde lo 0,11%. Prevalgono le prese di beneficio su Netflix (-5,53%).

Italia

Chiusure contrastate per il settore utilities con Enel (-0,59%), Snam (-0,20%), Terna (-0,07%), Italgas (+0,07%) ed A2A (+0,90%).

Telecom Italia perde lo 0,27% ed il titolo chiude a euro 0,5226.

In lettera il settore bancario con Banca Generali (-0,35%), Banco Bpm (-0,58%), Ubi Banca (-0,35%) e Banca Mediolanum (-0,71%). In controtendenza Intesa Sanpaolo (+0,09%), UniCredit (+0,16%) e Mediobanca (+2,80%).

Assicurazioni Generali calano dello 0,22% ed il titolo si porta a euro 17,845.

Prevalgono gli acquisti su Moncler (+0,46%) e Ferragamo (+0,34%). Tod’s scende dello 0,52%.

Seduta negativa per Buzzi Unicem (-1,93%), Brembo (-1,00%), Leonardo (-1,34%) e Fincantieri (-0,35%).

In lettera i titoli della “Galassia Agnelli” con FCA (-0,52%), Ferrari (-0,61%), CNH Industrial (-1,83%) ed Exor (-0,72%).

Eni guadagna lo 0,96%. In calo Saipem (-0,25%).

Ben comprate Poste Italiane (+0,99%). Mediaset segna un rialzo dello 0,73%.

Gran Bretagna

In evidenza positiva Tesco (+2,11%). GlaxoSmithKline cresce dello 0,83%. Vodafone segna una contrazione dello 0,55%. In denaro Bp (+0,79%).

Germania

Positive Bayer (+0,49%). Prevalgono gli acquisti su Deutsche Telekom (+0,85%). BASF (-0,05%) non riesce a superare la parità.

Francia

Seduta positiva per Axa (+2,12%) e Bnp Paribas (+1,22%). Kering guadagna l’1,36%. Ben comprata Sanofi (+2,33%). L’Oreal sale dello 0,69%.

Economia

Germania: l’indice dei prezzi alla produzione, nel mese di agosto, è sceso dello 0,50% rispetto alle attese di una contrazione dello 0,20%. Il dato precedente si era attestato a +0,10%. Su base annua i prezzi alla produzione sono cresciuti dello 0,30% dall’1,1% precedente; gli economisti avevano previsto un rialzo dello 0,55%.

Eurozona: l’indice che misura la fiducia dei consumatori, in settembre (lettura flash), si è attestato a -6,5 punti dai -7,1 punti precedenti; il mercato attendeva un dato a -7 punti.

Le Small Cap sotto “coverage” Finnat

Askoll Eva: ha chiuso il primo semestre 2019 con ricavi netti pari a 5,87 milioni di euro rispetto ai 5,24 milioni del primo semestre 2018. L’ebitda è risultato negativo per 3,3 milioni di euro dai -2,6 milioni dello stesso periodo dell’anno precedente mentre l’ebit si è attestato a -5,56 milioni di euro rispetto alla perdita operativa di 4,66 milioni al 30.06.2018. Askoll ha chiuso i primi sei mesi dell’anno con una perdita netta pari a 5,9 milioni di euro dagli 0,3 milioni di profitti dello stesso periodo dell’anno precedente sui quali avevano influito 5,1 milioni di euro di imposte differite attive. La società ha, inoltre, riportato le nuove stime per il consuntivo 2019 prevedendo ricavi netti pari a 19,7 milioni di euro; un ebitda negativo per 4,26 milioni ed una perdita operativa pari a -9,06 milioni. Per il periodo 2020-2021 i ricavi sono, invece, attesi in crescita fino a superare i 40 milioni di euro nel 2021 mentre l’ebitda è previsto in break-even nel 2020 e superiore a 2 milioni di euro nel 2021.

Renergetica: ha siglato una lettera di intenti non vincolante con la canadese Sandspring Resources per la realizzazione di un impianto di generazione ibrido di potenza complessiva pari a circa 50 MW per la fornitura di energia elettrica ad una miniera in Guyana Britannica.

Altre società

Stripe: società che costruisce infrastrutture per l'economia di Internet, ha ottenuto 250 milioni di dollari in finanziamenti aggiuntivi ed una nuova valutazione pre-money pari a 35 miliardi di dollari. I nuovi fondi saranno utilizzati per promuovere l’espansione internazionale, far crescere la gamma di prodotti ed estendere le capacità aziendali.

Thales Alenia Space: la società, nata dalla joint venture tra Thales (67%) e Leonardo (33%), ha inaugurato un nuovo impianto ad Hasselt, in Belgio, dedicato alla produzione automatizzata di assemblaggi fotovoltaici (PVA) che generano energia elettrica sui pannelli solari dei satelliti. 

Autore: Pierpaolo Molinengo Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online