Italia markets closed
  • Dow Jones

    30.982,46
    +22,46 (+0,07%)
     
  • Nasdaq

    13.653,21
    +17,22 (+0,13%)
     
  • Nikkei 225

    28.546,18
    -276,11 (-0,96%)
     
  • EUR/USD

    1,2171
    +0,0027 (+0,22%)
     
  • BTC-EUR

    26.504,56
    +117,57 (+0,45%)
     
  • CMC Crypto 200

    650,41
    +3,09 (+0,48%)
     
  • HANG SENG

    29.391,26
    -767,75 (-2,55%)
     
  • S&P 500

    3.856,33
    +0,97 (+0,03%)
     

Mercati ripartono dopo festività

Investimenti Bnp Paribas
·1 minuto per la lettura

Per le principali Borse europee si prevede un'apertura in rialzo nella prima seduta dell'ultima settimana di scambi del 2020, sostenuta anche dalla chiusura positiva della Piazza finanziaria di Tokyo. Dopo la chiusura per le festività natalizie, sui mercati si attende oggi una reazione positiva agli sviluppi dei giorni scorsi sulla Brexit e alle indicazioni in arrivo sul fronte vaccini. Inoltre, si guarda alla notizia che, dopo la pressione del Congresso, il presidente statunitense Donald Trump ha ratificato il pacchetto di aiuti a sostegno dell'economia Usa (del valore di 900 miliardi di dollari) che prevede forme di assistenza federale alle famiglie, alle piccole imprese e agli operatori sanitari colpiti dalla pandemia di Covid-19. Trump ha anche firmato la legge sul finanziamento dello Stato federale, che impedirà la chiusura dei servizi pubblici (shutdown). Per quanto riguarda l'Europa, sotto la lente degli operatori l'annuncio di un accordo commerciale sulla Brexit tra il Regno Unito e l'Unione europea. Il deal, raggiunto alla Vigilia di Natale, deve ancora essere approvato in via definitiva questa settimana dal Parlamento del Regno Unito e da quello dell'UE prima della scadenza del 31 dicembre. Da segnalare che infine che restano ancora chiuse le Borse in Australia, Canada e UK.

APPUNTAMENTI ECONOMICI

La prima seduta della settimana vede in primo piano per gli Stati Uniti l'indice manifatturiero relativo all'area di Dallas. Restano chiusi i mercati finanziari in Australia, Canada e Regno Unito.

Autore: Investimenti Bnp Paribas Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online