Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.264,70
    -63,09 (-0,18%)
     
  • Nasdaq

    13.450,44
    +71,39 (+0,53%)
     
  • Nikkei 225

    28.406,84
    +582,01 (+2,09%)
     
  • EUR/USD

    1,2222
    +0,0065 (+0,54%)
     
  • BTC-EUR

    35.731,09
    +602,66 (+1,72%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.223,62
    -29,52 (-2,36%)
     
  • HANG SENG

    28.593,81
    +399,72 (+1,42%)
     
  • S&P 500

    4.159,99
    -3,30 (-0,08%)
     

Mercati: i settori e i titoli con cui cavalcare l’onda della riapertura

Valeria Panigada
·1 minuto per la lettura

Con la fase di riapertura progressiva, non solo in Italia, l’Europa potrebbe conoscere una ripresa esplosiva. Ne è convinto Antonio De Negri, Ceo e Founder di Cirdan Capital, che afferma: "L'Europa rappresenta l’area con il maggiore spazio di recupero esplosivo dei consumi nei prossimi due trimestri". Secondo lui, la fine della pandemia favorirà la ripresa dei consumi e delle attività outdoor, ma solo progressivamente, e, prima a livello domestico-locale, poi a livello più globale. Il Regno Unito partirà per primo, poi progressivamente l’Europa del Nord, ed infine l’Italia. Venendo ai settori, "siamo positivi a quello travel and leisure ma mirato; con utilizzo di compagnie low cost e low emission per viaggi di piacere (non di lavoro), prima domestici poi internazionali - indica De Negri - Su questo fronte, ci piacciono quindi titoli regionali come Jet2 e Ryanair tra le compagnie aeree, prime a beneficiare dei voli continentali, mentre negli hotel preferiamo Accor e Intercontiental, che hanno gruppi che coprono diversi segmenti di turisti e hanno vaste economie di scala dimensionali". Per la ripresa della vita “fuori casa”, ristoranti e parchi tematici, Cirdan Capital è positivo sui titoli come Restaurant Group e Heineken e su titoli legati ad outdoor entertainment come Cineworld Group e La Francaise Des Jeux. "Ma - precisa De Negri - nonostante questo recupero di attività esterne, riteniamo che il gaming e i software legati all’home-entertainment rimarranno centrali nel continuo miglioramento dell’in-house-leasure, che favorisce titoli come Ubisoft Entertainment e Frontier Developments".