Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.178,80
    +171,40 (+0,78%)
     
  • Dow Jones

    30.218,26
    +248,74 (+0,83%)
     
  • Nasdaq

    12.464,23
    +87,05 (+0,70%)
     
  • Nikkei 225

    26.751,24
    -58,13 (-0,22%)
     
  • Petrolio

    46,09
    +0,45 (+0,99%)
     
  • BTC-EUR

    15.506,41
    -103,07 (-0,66%)
     
  • CMC Crypto 200

    365,19
    -14,05 (-3,71%)
     
  • Oro

    1.842,00
    +0,90 (+0,05%)
     
  • EUR/USD

    1,2127
    -0,0022 (-0,18%)
     
  • S&P 500

    3.699,12
    +32,40 (+0,88%)
     
  • HANG SENG

    26.835,92
    +107,42 (+0,40%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.539,27
    +22,17 (+0,63%)
     
  • EUR/GBP

    0,9019
    -0,0006 (-0,07%)
     
  • EUR/CHF

    1,0811
    -0,0009 (-0,08%)
     
  • EUR/CAD

    1,5490
    -0,0127 (-0,81%)
     

Mercati USA, arriva una settimana calda e critica: ecco perché

Fabio Carbone
·4 minuto per la lettura

Settimana densa di appuntamenti quella che attende i mercati USA a partire da domani lunedì 27 luglio.

Mentre il Nasdaq 100 ha raggiunto il suo picco storico e ora vive una lieve flessione (-0,92% la chiusura di venerdì a 10.483 punti), il prossimo mercoledì le big del listino sono attese presso la sottocommissione antitrust della Camera degli Stati Uniti d’America.

A prendere la parola saranno i capi in persona delle grandi società del gruppo noto come FAANG, a parlare quindi Jeff Bezos di Amazon Inc che di recente ha guadagnato un potere economico straordinario aggiungendo 13 miliardi di USD al suo patrimonio in un solo giorno, parlerà anche Tim Cook in qualità di Ceo di Apple Inc. e per Alphabet Inc. il suo Ceo Sunda Pichai dopo che i fondatori sono andati in “pensione” anticipata, quindi sarà la volta di Mark Zuckerberg Ceo di Facebook Inc. Tutti mercoledì i big dell’IT mondiale, società che messe insieme potrebbero benissimo rappresentare l’intero Pil di una nazione.

E la chiamata dell’Antitrust è dovuta esattamente per motivazioni di dominance nei rispettivi mercati nei quali operano. Perché se c’è una cosa che la pandemia ha insegnato a tutti, è che la digitalizzazione dei servizi è stata per i pionieri come la scoperta del più grande giacimento d’oro della storia.

Interverrà la Federal Reserve

Attenzione anche alla Fed, che sempre mercoledì prossimo si riunirà per discutere su future mosse da mettere in campo per continuare a sostenere l’economia statunitense in questa fase complessa tra mezze aperture, marce indietro e totale libertà.

Probabilmente la Fed rassicurerà i mercati che proseguirà il supporto dell’economia con i programmi straordinari fino a che sarà necessario.

Giovedì arrivano i dati trimestrali dei mercati USA

Occhi puntati su giovedì per i dati trimestrali in arrivo dai mercati USA. Il Governo fornirà i numeri del prodotto interno lordo del secondo trimestre, mostrando i dati del crollo effettivo subito dall’economia durante i mesi di maggiore (quanto non totale) chiusura delle attività produttive.

Gli analisti si attendono una contrazione del 35% nel secondo trimestre, indica la Cnbc, con un rimbalzo atteso nel terzo trimestre. Però il rimbalzo non viene quantificato ancora perché tutto dipenderà, secondo gli analisti, da come il Congresso statunitense stimolerà l’economia e per quanto ancora e in che modo il virus continuerà a impattare sulle attività.

Il prossimo 31 luglio, tra l’altro, scade il sussidio da 600 USD a settimana di cui stanno beneficiando i circa 30 milioni di disoccupati. Verranno prorogati? E se sì quanto sarà l’ammontare? Alcuni temono che si passerà a 300 USD alla settimana.

Gli utili delle società dello S&P 500

Mentre l’indice S&P 500 ha quasi recuperato tutte le perdite subite tra fine febbraio e inizio marzo, le sue imprese devono ora fare i conti con i bilanci del secondo trimestre e complessivamente si parla di un crollo del -40,3% che deriva dai calcoli fatti sulle stime e i report già presentati da una parte delle 500 imprese che compongono l’indice.

Solo il settore dei Tecnologici si salva con un guadagno del +4,4%.

I report di questa settimana dalle compagnie quotate negli USA

Mercoledì Facebook Inc. pubblicherà i suoi dati trimestrali, mentre Alphabet e Amazon lo faranno giovedì. Nel settore farmaceutico Merck, Pfizer e Eli Lilly presenteranno i loro dati. Anche Starbucks e McDonad’s, oltre a Protector & Gamble presenteranno i dati.

Exxon Mobil e Chevron lo faranno venerdì.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: