Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.970,73
    +112,53 (+0,49%)
     
  • Dow Jones

    33.761,05
    +424,35 (+1,27%)
     
  • Nasdaq

    13.047,19
    +267,29 (+2,09%)
     
  • Nikkei 225

    28.871,78
    +324,80 (+1,14%)
     
  • Petrolio

    88,32
    -3,77 (-4,09%)
     
  • BTC-EUR

    23.692,35
    -701,48 (-2,88%)
     
  • CMC Crypto 200

    573,93
    +2,64 (+0,46%)
     
  • Oro

    1.794,50
    -21,00 (-1,16%)
     
  • EUR/USD

    1,0207
    -0,0050 (-0,49%)
     
  • S&P 500

    4.280,15
    +72,88 (+1,73%)
     
  • HANG SENG

    20.040,86
    -134,76 (-0,67%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.783,90
    +7,09 (+0,19%)
     
  • EUR/GBP

    0,8456
    -0,0001 (-0,01%)
     
  • EUR/CHF

    0,9646
    -0,0009 (-0,10%)
     
  • EUR/CAD

    1,3159
    +0,0058 (+0,44%)
     

Mercato Azionario: Leonardo e Fincantieri Mostrano Diversi Scenari di Breve Periodo

Il mercato azionario italiano ha inanellato ieri (martedì 19) la terza sessione consecutiva di recupero, a partire dai minimi raggiunti dall’Indice FtseMib giovedì scorso a 20420.

Il listino di Milano ha chiuso a quota 21696 con un ottimo +2.49% di incremento su base giornaliera, alla vigilia di una giornata – quella di oggi mercoledì 20 – che sarà interamente catalizzata dalle vicende politiche relative al governo dimissionario.

L’approfondimento odierno riguarda due titoli azionari fra i più rappresentativi del comparto industriale: Leonardo e Fincantieri.

Fincantieri, Ancora Spazio al Rialzo

Lo scenario su Fincantieri è dominato dalla presenza di un’ampia fascia di stabilizzazione entro la quale il titolo sta oscillando dallo scorso 13 giugno, compresa nell’area tra 0.4980 e 0.6020. Quest’ultimo livello in particolare ricopre un certo interesse tecnico, in quanto è stato oggetto di forte pressione rialzista da parte dei prezzi in almeno 4 occasioni da maggio in poi, senza che le quotazioni siano mai riuscite a passare oltre. Possiamo isolare su questo titolo due resistenze intermedie, a 0.5935/5970 e per l’appunto a 0.6020, da cui potrebbero in settimana scattare ancora dei provvisori arretramenti.

Ci aspettiamo tuttavia che il titolo regga sopra ai supporti di quota 0.5710/5735 e soprattutto 0.5350/5400, in preparazione alla rottura rialzista delle resistenze con proiezioni fino a 0.6340/6380. I supporti costituiranno punti di probabile ripartenza del rialzo sfruttabili in caso di arretramenti.

Lo scenario verrebbe annullato dalla violazione del secondo supporto. Il titolo ha chiuso ieri a 0.5800 con un guadagno del 2.20% su base giornaliera.

Leonardo in Dirittura d’Arrivo

Per quanto riguarda Leonardo, il quadro tecnico è invece un po’ più complesso.

Il titolo si sta muovendo al rialzo da novembre ’21 (minimi a quota 4.005), ed ha già effettuato finora un rialzo complessivo del +172% fino ai massimi di quota 10.895 raggiunto l’8 giugno scorso. Da quel momento si è avviata una fase correttiva che a nostro avviso non è ancora completa; le proiezioni sono quindi ribassiste fino a 8.850 (primo obiettivo) e 8.220 (target principale).

Le resistenze che mantengono attivo lo scenario sono localizzate a 10.84/10.95 ed a 11.89/12.02, punti di probabile ripresa della pressione ribassista in caso di nuovi recuperi, soprattutto se entro la fine della settimana in corso. Lo scenario descritto verrebbe annullato da una chiusura daily superiore a 12.02.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE:

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli