A mercato chiuso - 8/1/2013

QUOTAZIONI CORRELATE

SimboloPrezzoVariazione
AGL.MI7,110,20
MB.MI8,020,59
MS.MI3,790,04
BMPS.MI0,240,01

La Borsa di Milano ha chiuso la seduta in moderato rialzo riducendo i guadagni nel pomeriggio dopo che sul mercato sono comparsi i rumors di un imminente downgrade sul rating della Francia. Secondo quanto riportato da Le Figaro, un alto funzionario dell’esecutivo francese avrebbe però definito l’indiscrezione “falsa”. L’ESM, il fondo di salvataggio della zona euro, ha lanciato oggi il suo programma di finanziamento e breve termine con un’asta di titoli obbligazionari a 3 mesi. La domanda è stata elevata e pari a 6,2 miliardi. Il fondo ha così collocato bond a tre mesi per 1,927 miliardi di euro con un rendimento negativo. Secondo quanto riportato oggi dalle maggiori agenzia di stampa internazionale, Tokyo sarebbe pronta a comprare i titoli emessi dall’Esm per sostenere l’Europa. In questo quadro a Piazza Affari l’indice Ftse Mib (Milano: FTSEMIB.MI - notizie) ha guadagnato lo 0,33% a 16.951 punti. Contrastato il comparto bancario: Banco Popolare (Milano: BP.MI - notizie) ha guadagnato il 3,56% a 1,427 euro, Mediobanca (Milano: MB.MI - notizie) il 2,49% a 5,10 euro, Unicredit (Milano: UCG.MI - notizie) il 2,12% a 4,044 euro. Sono invece finite in rosso Popolare di Milano (-1,33% a 0,491 euro), Intesa SanPaolo (Milano: ISP.MI - notizie) (-0,07% a 1,403 euro) e Monte dei Paschi (Milano: BMPS.MI - notizie) (-1,24% a 0,278 euro). Su quest’ultima hanno prevalso le prese di beneficio dopo il rally delle ultime sedute. Bene Generali (+0,84% a 14,48 euro) dopo aver sottoscritto con PPF un accordo che definisce le condizioni per la conclusione della joint venture GPH che permetterà a Generali di ottenere il pieno controllo azionario e gestionale. “Con questa operazione eliminiamo ogni incertezza sulla nostra strategia di sviluppo in Europa Centro-orientale e sulle risorse necessarie per il gruppo a realizzarla”, ha dichiarato l’Ad della compagnia triestina, Mario Greco. Mediaset (Milano: MS.MI - notizie) (+0,64% a 1,727 euro) in scia alla decisione degli analisti di Credit Suisse (NYSE: CRP - notizie) che hanno deciso di rivedere al rialzo la raccomandazione sulla controllata iberica del Biscione a outperform da underperfom. Secondo il broker svizzero il consolidamento del settore dovrebbe accelerare la ripresa. Tonica STMicroelectronics (+1,92% a 5,83 euro) con gli analisti di Intermonte che hanno rivisto al rialzo il target price sul titolo della società leader dei semiconduttori a 7,7 euro dai precedenti 6,5 euro, confermando la raccomandazione outperform. Positiva Luxottica (+0,41% a 32,04 euro) dopo che l’Antitrust nel suo bollettino ha dato parere favorevole all’ingresso del gruppo fondato da Leonardo Del Vecchio nel capitale di Salmoiraghi&Viganò, comunicato lo scorso dicembre. Autogrill (Milano: AGL.MI - notizie) ha indossato la maglia nera sul paniere principale lasciando sul parterre il 3,05% a 8,57 euro. A pesare sull’andamento del titolo la bocciatura da parte di Kepler, che ha ridotto il giudizio a hold da buy abbassando il target price a 8 euro dal precedente 9,2 euro. Secondo gli esperti, l’eventuale spin-off della divisione Travel & Retail dalla business unit Food & Beverage potrebbe aumentare valore ma non verrà realizzato in tempi brevi. Per l’esercizio 2012, Kepler prevede che Autogrill registri un Ebitda pari a 584 milioni di euro, in ribasso del 5,3% rispetto all’anno precedente.

Scopri le nostre fonti: clicca sul logo per leggere tutti gli articoli dei provider e trova il tuo preferito