Italia Markets close in 47 mins

Mercatone Uno,Commissari: tuteliamo lavoratori e valorizziamo asset

Gab

Roma, 17 set. (askanews) - "Abbiamo assunto il ruolo di Commissari Straordinari consapevoli delle responsabilità verso tutti i soggetti coinvolti, in particolare i lavoratori dell'azienda, i fornitori e le comunità territoriali interessate. Sin dall'inizio del nostro mandato, lo scorso 19 giugno, sono state intraprese le azioni volte a individuare soluzioni efficaci e sostenibili, ed è stato avviato, con la dovuta urgenza, il processo di cessione volto alla salvaguardia dei livelli occupazionali ed alla tutela degli interessi dei creditori". Così i Commissari Straordinari dell'azienda Mercatone Uno Luca Gratteri, Antonio Cattaneo, Giuseppe Farchione.

"Pur in una contingenza economica non favorevole, e nella specifica attuale situazione dell'azienda Mercatone Uno, in procedura di amministrazione straordinaria dal 2015, è stata immediatamente attivata la delicata fase di scouting di realtà imprenditoriali, di adeguato standing e riconosciuta affidabilità, potenzialmente interessate alla Mercatone Uno".

Per maggiore chiarezza, i Commissari sintetizzano i dati essenziali, registrati oggi:

-Potenziali Acquirenti contattati: n. 136 (di cui 34% Italia; 66% Estero) -Potenziali Acquirenti contattati per Categoria: 50% Arredo; 26% Generalisti; 24% Altri -Potenziali Acquirenti contattati per Dimensione (fatturato): 40% oltre euro 1 miliardo di fatturato; 42% tra euro 100 milioni ed euro 1 miliardo di fatturato; 18% meno di euro 100 milioni di fatturato -Potenziali Acquirenti contattati per Assetto Proprietario: 72% società non quotate; 28% società quotate -Feedback ad oggi ricevuti: n. 122 (di cui 71% Interlocutori; 10% Positivi; 19% Negativi) -Composizione Feedback Positivi (n. 12): 67% Italia; 33% Estero

"Le interlocuzioni con i soggetti che ad oggi hanno mostrato interesse e con quelli che si manifesteranno, proseguiranno fino alla data di presentazione delle offerte vincolanti, la cui scadenza è prevista al 31.10.2019", conclusono.