Italia markets close in 6 hours 6 minutes
  • FTSE MIB

    24.682,02
    -62,36 (-0,25%)
     
  • Dow Jones

    34.200,67
    +164,67 (+0,48%)
     
  • Nasdaq

    14.052,34
    +13,54 (+0,10%)
     
  • Nikkei 225

    29.685,37
    +2,00 (+0,01%)
     
  • Petrolio

    63,04
    -0,09 (-0,14%)
     
  • BTC-EUR

    47.212,20
    -960,37 (-1,99%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.289,92
    -101,79 (-7,31%)
     
  • Oro

    1.788,10
    +7,90 (+0,44%)
     
  • EUR/USD

    1,2037
    +0,0056 (+0,47%)
     
  • S&P 500

    4.185,47
    +15,05 (+0,36%)
     
  • HANG SENG

    29.106,15
    +136,44 (+0,47%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.032,81
    -0,18 (-0,00%)
     
  • EUR/GBP

    0,8661
    +0,0006 (+0,07%)
     
  • EUR/CHF

    1,0999
    -0,0023 (-0,21%)
     
  • EUR/CAD

    1,5014
    +0,0029 (+0,19%)
     

Merlino (Cia): 'dalcampoallatavola.it progetto strategico'

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·2 minuto per la lettura

"La piattaforma è già operativa, i consumatori possono accedervi e acquistare i prodotti direttamente dai produttori agricoli, senza intermediari. Attualmente sono presenti sulla piattaforma 100 produttori, ma puntiamo ad arrivare ad agosto 2021 a ottocento produttori. Tutto il 'mondo' Cia sta lavorando per questo. Qui non stiamo parlando solo di un semplice sito, ma di 'mettere a terra' un progetto strategico, si piantano i 'semi' per il futuro delle imprese agricole italiane". Così il direttore generale di Cia-Agricoltori italiani, Claudia Merlino, intervenendo alla presentazione di Dalcampoallatavola.it, la prima piattaforma di e-commerce che vede protagonisti gli agricoltori italiani su tutto il territorio nazionale, nata dallo sforzo congiunto tra Cia-Agricoltori Italiani e J.P.Morgan.

Un progetto, racconta Merlino, nato a marzo scorso con lo scoppio della pandemia e il primo lockdown "quando ci siamo sentiti con J.P. Morgan e abbiamo pensato a un progetto che potesse aiutare contemporaneamente quelle piccole imprese agricole che continuavano a produrre i loro prodotti ma non sapevano come venderli perché i mercati erano chiusi e le persone non potevano circolare liberamente. Abbiamo così pensato all'e-commerce, che era un trend già presente ma che è esploso con la pandemia", sottolinea Merlino.

E Cia ha puntato a realizzare un portale "utile, a cui i produttori possono accedere con una registrazione semplice, inserire i loro prodotti, ed essere ricercati e contattati direttamente dai consumatori, attraverso diverse keywords, e concludere con loro la transizione per l'acquisto dei prodotti. E in questo modo risolviamo quello che è da tempo uno dei problemi principali dei produttori: la perdita di valore all'interno della catena agroalimentare. Vendendo direttamente al consumatore on line quel valore lo recuperano", sottolinea ancora.

Ma l'obiettivo di Cia è ancora più ambizioso. "Noi vogliamo che il portale nel tempo si trasformi -spiega- in un vero marketplace in cui il consumatore entra, acquisti prodotti da diversi consumatori, pagando poi un unico scontrino, con un'unica spedizione". E Cia infatti punta a realizzare "un magazzino centralizzato dei prodotti, con minori costi per i produttori stessi", aggiunge ancora Merlino.

Comunicazione e formazione saranno centrali per il progetto. "La campagna di comunicazione dell'iniziativa sarà forte e anche sui social -spiega Merlino - e sulla formazione dei produttori puntiamo tantissimo: abbiamo già iniziato in 3 regioni ma lo faremo in tutte e 20, con il coinvolgimento di tutto il mondo Cia. E i produttori saranno sempre assistiti da un contact center, non saranno lasciati soli", continua ancora.

Sì, perchè, conclude Merlino, "questo progetto è stato pensato non solo per funzionare in questo periodo di emergenza, ma è a lungo termine, per guardare al futuro e alla crescita delle imprese agricole, che, visto il contesto in cui viviamo, dovrà passare sempre più dall'innovazione digitale".