Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.095,00
    +29,90 (+0,12%)
     
  • Dow Jones

    31.261,90
    +8,80 (+0,03%)
     
  • Nasdaq

    11.354,62
    -33,88 (-0,30%)
     
  • Nikkei 225

    26.739,03
    +336,23 (+1,27%)
     
  • Petrolio

    110,35
    +0,07 (+0,06%)
     
  • BTC-EUR

    28.345,33
    +308,18 (+1,10%)
     
  • CMC Crypto 200

    650,34
    -23,03 (-3,42%)
     
  • Oro

    1.845,10
    +3,00 (+0,16%)
     
  • EUR/USD

    1,0556
    -0,0031 (-0,30%)
     
  • S&P 500

    3.901,36
    +0,57 (+0,01%)
     
  • HANG SENG

    20.717,24
    +596,54 (+2,96%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.657,03
    +16,48 (+0,45%)
     
  • EUR/GBP

    0,8450
    -0,0031 (-0,36%)
     
  • EUR/CHF

    1,0294
    +0,0001 (+0,00%)
     
  • EUR/CAD

    1,3558
    -0,0011 (-0,08%)
     

Meta sta facendo “bene in un ambiente difficile”?

Meta sta facendo “bene in un ambiente difficile”?
Meta sta facendo “bene in un ambiente difficile”?


Mercoledì c’è stata una sorta di inversione di tendenza per Meta Platforms, Inc. (NASDAQ:FB), con il colosso dei social media che ha mostrato un rimbalzo dalla deludente performance del quarto trimestre.

Cosa dicono gli analisti su Meta

Justin Patterson, analista di KeyBanc Capital Markets, ha mantenuto sulle azioni Meta il rating Overweight e il target price di 280 dollari.

La tesi su Meta

Nel primo trimestre Meta ha realizzato un fatturato di 27,9 miliardi di dollari, in calo rispetto alla stima di consenso, ma gli utili per azione hanno superato le aspettative di Wall Street grazie alla minore spesa operativa e al riacquisto di azioni proprie, ha detto Patterson in una nota.

Considerando il lato positivo, la società ha abbassato la guidance sull'utile operativo e il CEO Mark Zuckerberg ha ribadito il suo impegno a sostenere la redditività a lungo termine, ha detto l'analista.

Secondo Patterson, questo aspetto riflette la cautela con cui la società sta soppesando i livelli di investimento rispetto allo stato di salute del business e alle condizioni macroeconomiche.

Attualmente Reels rappresenta più del 20% del tempo trascorso dagli utenti su Instagram e la fruizione complessiva di video costituisce oltre il 50% del tempo trascorso su Facebook, ha proseguito l’analista.

“Sebbene Reels continui a rappresentare un fattore negativo per la monetizzazione nel breve termine, i dirigenti restano fiduciosi sulla loro capacità di lavorare attraverso questa transizione”.

Inoltre, la guidance di Meta è stata migliore di quanto si temesse, ha detto Patterson.

Meta ha suggerito che la monetizzazione del metaverso arrancherà significativamente rispetto agli investimenti, ha indicato Patterson. L’esperto di KeyBanc ritiene che ciò sia dovuto alle tempistiche necessarie a far diventare mainstream i relativi dispositivi e a far sì che gli inserzionisti imparino nuovi formati pubblicitari.

“Al netto di tutto, riteniamo che FB stia funzionando bene in un ambiente difficile e che gli utili per azione possano tornare a un profilo di crescita annuale del 15-20% nelle stime per il 2023 e oltre”.

Movimento dei prezzi di FB

Nella sessione pre-market di giovedì il titolo Meta era in aumento del 15,3% a 201,71 dollari. Dati di Benzinga Pro.

Tieniti aggiornato su tutte le ultime notizie e le idee di trading seguendo Benzinga Italia su Twitter.

Continua a leggere su Benzinga Italia

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli