Italia markets close in 6 minutes
  • FTSE MIB

    18.971,14
    -314,27 (-1,63%)
     
  • Dow Jones

    27.604,93
    -730,64 (-2,58%)
     
  • Nasdaq

    11.357,97
    -190,31 (-1,65%)
     
  • Nikkei 225

    23.494,34
    -22,25 (-0,09%)
     
  • Petrolio

    38,53
    -1,32 (-3,31%)
     
  • BTC-EUR

    11.005,86
    -93,22 (-0,84%)
     
  • CMC Crypto 200

    259,74
    -3,67 (-1,39%)
     
  • Oro

    1.907,30
    +2,10 (+0,11%)
     
  • EUR/USD

    1,1822
    -0,0046 (-0,39%)
     
  • S&P 500

    3.395,29
    -70,10 (-2,02%)
     
  • HANG SENG

    24.918,78
    +132,68 (+0,54%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.108,16
    -90,70 (-2,84%)
     
  • EUR/GBP

    0,9079
    -0,0015 (-0,16%)
     
  • EUR/CHF

    1,0721
    -0,0001 (-0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,5618
    +0,0059 (+0,38%)
     

Meteo, rischio piogge alluvionali su tre Regioni italiane

Primo Piano
·1 minuto per la lettura
(Getty Images)
(Getty Images)

E' in corso un intenso peggioramento delle condizioni atmosferiche nelle regioni di Nordovest dove forti rovesci o temporali interessano la Liguria con graduale intensificheranno nella seconda parte della giornata soprattutto sull'alto Piemonte e sull'alta Lombardia.

VIDEO - Cosa fare in caso di bomba d’acqua

Per queste tre aree si profila il rischio di nubifragi e situazioni critiche con accumuli che entro la mattina di sabato potranno localmente raggiungere picchi superiori ai 250 mm di pioggia.

Il richiamo di aria calda che precede la perturbazione, legata alla tempesta Alex, determina nel contempo una temporanea impennata delle temperature al Sud e sul medio Adriatico dove si potranno toccare di nuovo punte decisamente estive, anche ben oltre i 30 gradi nella giornata di sabato su Puglia, Calabria e Sicilia.

Alla fine di oggi - affermano i meteorologi di iconameteo.it - il ramo freddo raggiungerà le Alpi occidentali per poi proseguire il suo cammino verso ovest e determinare al suo passaggio tra la notte e domani una fase temporalesca anche all'estremo Nordest e nelle regioni centrali, specie il lato tirrenico, con episodi anche violenti e intense raffiche di vento. Il limite della neve sulle Alpi, seppure in calo da questa notte, dovrebbe rimanere sopra almeno i 1700-2000 metri.

La situazione andrà migliorando alla fine di sabato, con precipitazioni scarse fino alla prima parte di domenica quando l'aria più fresca raggiungerà le regioni meridionali, ridimensionando la parentesi estiva. Già domenica però un'altra perturbazione, la numero tre del mese, raggiungerà con nuove piogge il Nord, a iniziare dal Nordovest, e successivamente anche Toscana, Umbria, Lazio e Sardegna.

VIDEO - USA, l’uragano Sally porta caos e devastazione