Italia markets close in 4 hours 21 minutes
  • FTSE MIB

    26.046,46
    +284,36 (+1,10%)
     
  • Dow Jones

    34.814,39
    +236,82 (+0,68%)
     
  • Nasdaq

    15.161,53
    +123,77 (+0,82%)
     
  • Nikkei 225

    30.323,34
    -188,37 (-0,62%)
     
  • Petrolio

    72,45
    -0,16 (-0,22%)
     
  • BTC-EUR

    40.682,98
    -7,33 (-0,02%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.231,70
    +34,48 (+2,88%)
     
  • Oro

    1.779,80
    -15,00 (-0,84%)
     
  • EUR/USD

    1,1774
    -0,0052 (-0,44%)
     
  • S&P 500

    4.480,70
    +37,65 (+0,85%)
     
  • HANG SENG

    24.667,85
    -365,36 (-1,46%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.178,35
    +32,41 (+0,78%)
     
  • EUR/GBP

    0,8510
    -0,0025 (-0,29%)
     
  • EUR/CHF

    1,0879
    +0,0014 (+0,13%)
     
  • EUR/CAD

    1,4866
    -0,0050 (-0,33%)
     

Micam torna in presenza, appuntamento dal 19 al 21 settembre a Fiera Milano

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 8 set. (askanews) - È tutto pronto per la novantaduesima edizione di Micam Milano, il salone internazionale promosso da Assocalzaturifici e leader mondiale del settore calzaturiero in programma dal 19 al 21 settembre in presenza a Fiera Milano (Rho). Con una nuova formula che si concentra in tre giorni, la manifestazione torna in presenza per accogliere operatori italiani ed internazionali che potranno partecipare alla rassegna, in tutta sicurezza, grazie ai protocolli sanitari attivati con Fiera Milano, guardando e toccando con mano le novità per la prossima primavera-estate 2022.

"Auspico che questa edizione di Micam, che si svolgerà in presenza e in assoluta sicurezza, segni la ripartenza per un comparto produttivo determinante per il made in Italy e l'economia del nostro Paese", ha detto Siro Badon, presidente di Assocalzaturifici e Micam Milano. "Gli ultimi dati economici che tracciano il perimetro del nostro settore ci confortano, evidenziando come anche nel secondo trimestre dell'anno emerga un forte recupero nei principali indicatori dopo l'impennata già registrata a marzo. Un rimbalzo legato soprattutto al confronto con mesi in cui le restrizioni imposte ovunque durante il lockdown avevano fortemente condizionato le attività delle imprese, la distribuzione e i consumi". In particolare le elaborazioni del Centro Studi di Confindustria Moda per Assocalzaturifici mostrano incrementi a doppia cifra sull'anno precedente: aumentano sia la produzione industriale (+13%) che il fatturato (+22%), oltre alla spesa delle famiglie italiane (+17,4%); fa ben sperare l'export (+31,5% in valore). "Allo stato attuale, però, resta ancora elevato il gap coi livelli pre-Covid", ha sottolineato. "Se le vendite estero, grazie al terzismo per le multinazionali del lusso, limitano il divario col 2019 attorno al -5% in valore (ma con un -11% in quantità nei primi 5 mesi), domanda interna, produzione industriale e fatturato restano ancora decisamente al di sotto dei livelli, già peraltro poco soddisfacenti, di due anni addietro (con divari superiori al -15%): per 7 aziende calzaturiere su 10 il fatturato è ancora nettamente inferiore".

"Sul mercato interno, dopo un avvio 2021 ancora negativo, segnali confortanti per maggio e giugno, in cui gli acquisti delle famiglie hanno sfiorato i livelli 2019", ha proseguito Badon. "Le campagne di vaccinazione, in Italia e all'estero, hanno favorito la ripartenza delle economie e il ritorno a ritmi di crescita nella produzione e negli scambi mondiali. Certo, per un ritorno ai livelli pre-pandemici ci vorrà del tempo. Bisognerà anche recuperare quanto lasciato sul terreno occupazionale: 2000 addetti in meno da inizio anno, 3000 includendo anche la componentistica; ma sono fiducioso perché il rilancio e la ripresa del nostro Paese passano anche per il comparto calzaturiero".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli