Italia markets close in 46 minutes
  • FTSE MIB

    24.547,63
    -74,09 (-0,30%)
     
  • Dow Jones

    34.213,57
    -216,31 (-0,63%)
     
  • Nasdaq

    11.365,36
    -96,14 (-0,84%)
     
  • Nikkei 225

    27.820,40
    +42,50 (+0,15%)
     
  • Petrolio

    80,84
    +0,86 (+1,08%)
     
  • BTC-EUR

    16.224,55
    -55,05 (-0,34%)
     
  • CMC Crypto 200

    403,96
    -7,25 (-1,76%)
     
  • Oro

    1.787,60
    -22,00 (-1,22%)
     
  • EUR/USD

    1,0540
    +0,0009 (+0,08%)
     
  • S&P 500

    4.037,83
    -33,87 (-0,83%)
     
  • HANG SENG

    19.518,29
    +842,94 (+4,51%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.956,70
    -21,20 (-0,53%)
     
  • EUR/GBP

    0,8625
    +0,0052 (+0,61%)
     
  • EUR/CHF

    0,9882
    +0,0015 (+0,15%)
     
  • EUR/CAD

    1,4230
    +0,0044 (+0,31%)
     

Midterm Usa, investitori si preparano a stallo governo, repubblicani in vantaggio

Trader al NYSE a New York

NEW YORK (Reuters) - Gli investitori si aspettano una vittoria dei Repubblicani nelle elezioni di midterm negli Stati Uniti, un risultato che probabilmente mitigherà la spesa e la regolamentazione finanziaria voluta dai Democratici, ma che darà vita a una dura lotta per l'aumento del tetto del debito degli Stati Uniti il prossimo anno.

Secondo i sondaggi e i bookmakers, i Repubblicani sono favoriti per il controllo della Camera dei Rappresentanti, mentre per il Senato la corsa è più serrata, con le urne ancora aperte in alcuni Stati. Con il democratico Joe Biden alla Casa Bianca, questo risultato porterebbe a un governo diviso, un esito che storicamente è stato accompagnato da una performance positiva del mercato azionario a lungo termine.

I Repubblicani sembravano i favoriti per strappare il controllo della Camera in base ai primi risultati delle elezioni di midterm di oggi, anche se le prospettive di un'"onda rossa" sembravano essersi affievolite. Per il Senato, attualmente controllato dai Democratici, non è ancora emerso un chiaro vincitore.

Sebbene le preoccupazioni macroeconomiche e la politica monetaria della Federal Reserve siano state le forze dominanti a muovere il mercato quest'anno, la politica di Capitol Hill potrebbe esercitare un'influenza sui prezzi degli asset.

Gli analisti di Morgan Stanley hanno scritto questa settimana che una forte performance dei repubblicani potrebbe placare i timori degli investitori che un aumento della spesa fiscale inasprisca l'inflazione e potrebbe aumentare le possibilità che il partito metta un freno alla spesa attraverso il tetto del debito. Secondo gli analisti di Morgan Stanley, ciò potrebbe sostenere il rialzo dei titoli del Treasury a 10 anni e spingere le azioni ad estendere i recenti guadagni.

Uno scenario di stallo "elimina un po' di incertezza", ha detto Mona Mahajan, senior investment strategist di Edward Jones. "Alcune tendenze relative alla spesa fiscale e alle riforme tributarie avevano preoccupato alcuni investitori, soprattutto in questo contesto inflazionistico".

"Più in generale, le aziende hanno l'opportunità di prepararsi, pianificare e fare il budget sapendo che in questo contesto potrebbero non essere approvate nuove leggi, regolamenti, riforme fiscali, ecc.

Tradizionalmente, i titoli tendono ad avere una performance migliore con un governo diviso quando alla Casa Bianca c'è un democratico e gli investitori attribuiscono in parte questo allo stallo politico che impedisce di avere grandi cambiamenti.

Secondo i dati analizzati da RBC Capital Markets a partire dal 1932, i rendimenti medi annuali dell'S&P 500 sono stati del 14% in caso di Congresso diviso e del 13% in caso di Congresso repubblicano sotto un presidente democratico. Questo dato si confronta con il 10% quando i democratici controllavano la presidenza e il Congresso.

Un Congresso repubblicano potrebbe porre fine agli stimoli fiscali e rendere "un po' più facile il lavoro della Fed per contenere l'inflazione", ha detto Troy Gayeski, chief market strategist di FS Investments.

(Tradotto da Chiara Scarciglia, editing Stefano Bernabei)