Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.088,36
    -340,57 (-1,52%)
     
  • Dow Jones

    30.996,98
    -179,03 (-0,57%)
     
  • Nasdaq

    13.543,06
    +12,15 (+0,09%)
     
  • Nikkei 225

    28.631,45
    -125,41 (-0,44%)
     
  • Petrolio

    51,98
    -1,15 (-2,16%)
     
  • BTC-EUR

    26.535,66
    -295,34 (-1,10%)
     
  • CMC Crypto 200

    651,44
    +41,45 (+6,79%)
     
  • Oro

    1.855,50
    -10,40 (-0,56%)
     
  • EUR/USD

    1,2174
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • S&P 500

    3.841,47
    -11,60 (-0,30%)
     
  • HANG SENG

    29.447,85
    -479,91 (-1,60%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.602,41
    -15,94 (-0,44%)
     
  • EUR/GBP

    0,8895
    +0,0036 (+0,41%)
     
  • EUR/CHF

    1,0769
    +0,0003 (+0,03%)
     
  • EUR/CAD

    1,5500
    +0,0125 (+0,81%)
     

Milan, finalmente sprazzi del vero Tonali: il futuro non è in dubbio ma serve qualcosa di più

Daniele Longo
·2 minuto per la lettura

Solo chi è capace di leggere lo sviluppo dell'azione in anticipo, e ha qualità e sensibilità di tocco, riesce a disegnare quel filtrante in verticale per mandare in porta Rebic in occasione dell'iniziale vantaggio del Milan sul campo del Lille. Sandro Tonali è un talento vero, uno di quei giocatori in grado di lasciare il segno all'interno di una partita. Lo stesso tecnico Daniele Bonera aveva sottolineato la prova del centrocampista azzurro: "La bella prestazione di Tonali? Fa parte di un percorso, abbiamo piena fiducia nel ragazzo, oggi è stato determinante. È un ragazzo intelligente e serio, siamo molto contenti di lui".

PRIMI SEGNALI - La speranza, in casa Milan, è che ieri sia scattata la scintilla giusta nella stagione di Sandro Tonali. Una giocata accecante nella sua bellezza, tanto filtro e lotta a centrocampo. D'altronde i numeri parlano chiaro: cinque contrasti e 8 duelli vinti col Lille. E la netta sensazione che l'intesa con i compagni stia crescendo partita dopo partita. Sette presenze complessive in Europa League, titolare fisso nella fase a gironi. Solo cinque presenze in campionato, l’ultima da titolare in casa dello Spezia a inizio ottobre. Non è facile trovare le distanze e la confidenza in campo con i compagni quando non si ha grande continuità di utilizzo. Ma nella fredda notte di Lille sono arrivati i primi segnali verso una risalita nelle gerarchie di Stefano Pioli.

SERVE QUALCOSA DI PIU' - A onor del vero la prestazione offerta da Sandro Tonali ieri sera, a livello complessivo, è stata positiva ma non scintillante. Nei primi 45' è sembrato ancora timido, preoccupato più a non commettere errori che a prendersi delle responsabilità in fase di sviluppo dell'azione. Perché la qualità per farlo c'è tutta, basta riguardare l'azione del gol rossonero. Il futuro non è in dubbio, tutta la società ha grande fiducia nel centrocampista bresciano e i dieci milioni spesi per il prestito oneroso sono una garanzia d’acquisto nella prossima estate. Ma serve qualcosa in più per prendersi la scena e diventare un perno insostituibile di questo Milan. Il tempo gioca tutto a favore di Sandro: d'altronde un classe 2000 di talento va aspettato senza eccessiva fretta.