Italia Markets open in 36 mins

Ibra critica i compagni: 'Ilicic? Facile se non lo marcano. Oggi mi hanno lasciato solo'

·2 minuto per la lettura

Milan umiliato in casa dall'Atalanta, al termine dell'incontro Zlatan Ibrahimovic è intervenuto a Sky Sport: "Oggi mancavano tante cose. Non era la nostra giornata, poi non voglio avere tante scuse dopo una sconfitta. Ogni partita devi portare risultati e oggi non ci siamo riusciti. Ora l'importante è recuperare e aspettare la prossima partita per rialzarci da questa sconfitta.

Dopo tante partite senza sconfitta ne abbiamo perse due, poi la squadra secondo me è un po' fragile perché manca qualche giocatore ne entra qualcuno che non ha tanta esperienza, è giovane e in crescita. Ma questa non è una scusa. Si lavora e si fa sacrificio, noi siamo primi per un motivo. Ma essere campioni d'inverno non mi dà niente.

Derby di Coppa? Bisogna rialzarci da questa sconfitta. La cosa bella è che la prossima partita è tra qualche giorno, abbiamo la possibilità di fare meglio di oggi. Contro l'Inter poi è una bella partita, ora dobbiamo recuperare e prepararci al meglio.

Ilicic? Quando gli dai troppo tempo è facile giocare, se gli metti pressing vero è più difficile. Oggi aveva tanto tempo con il pallone e ha fatto bene, poteva fare anche più gol, è stato fin troppo gentile. E uguale a me, se nessuno mi fa pressing ho tempo di fare più cose.

Campioni d'inverno? Non è che non significa niente, ma siamo a metà. Questo vuol dire che finora abbiamo fatto bene ma non è ancora finita, questo è il periodo più difficile con tante partite davanti e bisogna stare bene fisicamente.

Troppo solo davanti? Il primo tempo mi sentivo solo. Abbiamo detto la prima partita che uno mi deve stare vicino per attaccare, invece mi sentivo solo. Ma può essere anche che i meriti sono dell'Atalanta, con quella pressione che ti mette in difficoltà.

Cosa ci siamo detti con Mandzukic? Non è uno che parla tanto, si vede (ride, ndr). Abbiamo provato a dirgli benvenuto in slavo, in italiano. Pioli gli ha chiesto se voleva dire qualcosa e lui ha detto no no. E' una persona molto seria e concentrata, vuole il suo spazio.

Come si gestisce una sconfitta così? Bisogna reagire la prossima partita. Recuperare bene, pensare positivo, studiare la gara di oggi e guardare dove abbiamo sbagliato e cosa possiamo fare meglio. Ma non è comunque un processo veloce".